0
0
0
s2smodern

Pedofilia bambino help me“Un problema sistemico all’interno della Chiesa che non può più essere ignorato o tollerato dall’episcopato negli Stati Uniti”.

I membri del National Review Board (Nrb), la Commissione di revisione nazionale istituita dalla Conferenza episcopale americana nel 2002 a seguito degli abusi nella diocesi di Boston, condannano con fermezza gli orribili episodi di violenza da parte di chierici descritti dal rapporto del Gran Giuri della Pennsylvania e sono

0
0
0
s2smodern

Nicaragua manifestazione sandinistiI sostenitori del presidente Daniel Ortega fanno sentire la propria voce: a Managua, una manifestazione per celebrare il 39esimo anniversario della Gioventù sandinista è stata ieri l’occasione per presentare una petizione per chiedere al governo di far luce sulle 198 persone uccise durante gli scontri degli ultimi mesi.
La manifestazione, intitolata ‘Marciamo per la pace e la vita‘, ha previsto anche un intervento di Ortega che è tornato a smentire

0
0
0
s2smodern

Lavoro call centerSettembre uguale fine dell’estate. Ma se e’ comune la pigrizia nel tornare alla quotidianita’, per qualcuno il rientro dalle ferie si trasforma in un vero e proprio incubo. Si tratta della sindrome post-vacanze, un malessere fisico ed emotivo che travolge molti italiani. “Mal di testa, fiacchezza, sonno, stordimento, irritabilita’ sono alcune delle sensazioni che potremmo avvertire durante il primo periodo di ripresa delle attivita’. Il ‘Post Vacation

0
0
0
s2smodern

Peru nativi corteoUn impegno a garantire diritti su foreste e terre comuni agli abitanti di 403 villaggi nativi è stato assunto dal ministro dell’Agricoltura del Perù, Gustavo Mostajo, per porre fine a una protesta in corso nella provincia amazzonica di Atalaya da due settimane.
La decisione è parte di un accordo preliminare raggiunto dal governo con la Asociacion interetnica de desarrollo de la selva peruana (Aidesep), un organismo che rappresenta 108 federazioni e circa 1800

0
0
0
s2smodern

Siria Aleppo bombardamento“I bambini di Idlib, in Siria, stanno per pagare un prezzo troppo alto in quella che sarà l’imminente offensiva delle forze governative contro i ribelli”. Lo dichiara Andrea Iacomini, portavoce di Unicef Italia, il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia.
“Abbiate pietà- prosegue-. In quella zona vivono oltre un milione di bambini innocenti, figli di una guerra che non hanno voluto, di scelte di cui non possono né devono essere responsabili

0
0
0
s2smodern

Lega Nord sottosegretario giancarlo giorgetti“Tutti i soldi che avevamo sono stati presi dalla magistratura quindi noi in questo momento non abbiamo piu’ nulla”. Il “problema” e’, lo decidera’ il Tribunale del riesame “il 5 settembre”, che “se tutti i futuri proventi, che fondamentalmente sono i versamenti dei parlamentari e dei consiglieri, che affluiscono nelle casse della Lega vengono requisiti allora e’ evidente che un partito politico non puo’ piu’ esistere

0
0
0
s2smodern

Ambiente mare acqua“Non possiamo permettere che i mari e gli oceani si riempiano di distese inerti di plastica galleggiante. Anche per questa emergenza siamo chiamati a impegnarci, con mentalità attiva, pregando come se tutto dipendesse dalla Provvidenza divina e operando come se tutto dipendesse da noi”. Lo scrive Papa Francesco nel messaggio per la Giornata mondiale di preghiera per il creato.
Francesco sottolinea: “È doveroso ringraziare il Creatore per l’imponente e

0
0
0
s2smodern

ZFoto volantino spot camerun orange camerunUna petizione online che denuncia disservizi, mancanza di trasparenza e abuso di posizione dominante da parte di Orange, società di telefonia francese forte in Africa occidentale, ha raccolto in pochi giorni migliaia di firme. La protesta è dilagata anche sui social network, in particolare su Twitter, dove si è diffuso l’hashtag #orangeisthenewmafia, ispirato alla serie tv di Netflix “Orange is the new black”. Ad alimentare la contestazione ha contribuito

0
0
0
s2smodern

Bambini cibo mensa scuola bambini asiloInfliggeva a bimbi di 4 anni sofferenze fisiche e psicologiche, rivolgendosi a loro con voce rabbiosa e toni minacciosi perentori, strattonandoli violentemente, afferrandoli per il collo o tirando loro i capelli, rovesciandoli con rabbia dalla brandina sulla quale erano sdraiati per il riposino pomeridiano, stringendoli forte e dando loro pizzicotti alle braccia e alle gambe provocando così lividi. I bambini venivano anche apostrofati con frasi del tipo “piangi pure… non mi

0
0
0
s2smodern

Migranti affogati coste libiaNelle 72 ore successive agli scontri di Tripoli, la vita dei libici, così come quella dei migranti e rifugiati, è stata messa in grave pericolo, denuncia Medici senza frontiere (Msf). L’organizzazione medico-umanitaria ribadisce come la Libia non sia un paese sicuro e chiede ai governi europei di riconoscere la loro responsabilità nell’aiutare le persone più vulnerabili.
Gli scontri, scoppiati domenica 26 agosto, hanno coinvolto gruppi armati rivali in

Sostieni Rossoparma con una donazione