0
0
0
s2smodern

Parmigiano Reggiano forme in magazzinoDAGLI USA: Oggi Donald Trump firmerà due ordini esecutivi volti a proteggere il mercato e i produttori interni dai prodotti stranieri. La mossa è in linea col già invocato ritorno al protezionismo della nuova Amministrazione americana, volta a colmare il disavanzo nella bilancia commerciale che, secondo l’emittente ‘Cnn’, ammonta a una cinquantina di miliardi di dollari.
Già ieri è stata annunciata l’ipotesi di imporre dazi punitivi del 100% su alcuni prodotti europei e non, tra cui gli scooter Vespa del Gruppo Piaggio, l’acqua Perrier e San Pellegrino – entrambe del gruppo Nestlé – e il formaggio Roquefort. La decisione sarebbe anche una risposta al bando europeo sulla carne ‘agli ormoni’ proveniente dagli allevamenti Usa, in aperta violazione di un accordo siglato nel 2009.
ALLARME COLDIRETTI: COSÌ SI DIFFONDE IL MADE IN ITALY TAROCCO. (DIRE) Bologna, 31 mar. - Le restrizioni all'importazione di prodotti provenienti dall'Europa volute dal nuovo presidente americano Donald Trump mettono a rischio oltre 414 milioni di euro di esportazioni agroalimentari dall'Emilia-Romagna. Secondo elaborazioni di Coldiretti regionale su dati Istat, il 7,1% dei 5,8 miliardi delle esportazioni agroalimentari regionali varcano l'Atlantico per approdare negli Stati uniti, che nel 2015 sono diventati il terzo partner commerciale della nostra regione dopo Germania e Francia. Il Parmigiano Reggiano da solo occupa quasi un quarto delle esportazioni regionali verso gli Usa, raggiungendo quasi 100 milioni di euro e arrivando ad insidiare il primo posto della Francia. "I prodotti di qualita' dell'Emilia Romagna sono un forte richiamo per gli americani, con ampio spazio conquistato sui mercati statunitensi da vino e formaggio", spiega l'associazione agricola.

Prosciutto affettato"Si tratta di risultati ottenuti grazie ai primati qualitativi e alla sicurezza alimentare raggiunti dalla nostra regione- rivendica Coldiretti- che vanno difesi rispetto ai rischi legati a una possibile stretta sulle importazioni, senza accettare compromessi al ribasso che mettono a rischio la qualita' e la sicurezza alimentare, come la pretesa degli Stati uniti di avere il via libera per le esportazioni di prodotti Ogm e di carne agli ormoni che la stragrande maggioranza degli italiani ha dichiarato di non volere".
Il rischio di chiusura delle frontiere o l'imposizione di pesanti dazi, rileva Coldiretti regionale, pone comunque l'esigenza di affrontare "l'evidente problema di proliferazione sul mercato statunitense del fenomeno dell'italian sounding". Un fenomeno che vale gia' 20 miliardi di euro e che colpisce molti prodotti proprio dell'Emilia-Romagna, in particolare il Parmigiano Reggiano, il prosciutto di Parma e il Lambrusco, di cui si trovano numerosi cloni tarocchi sul mercato americano. (Vor/ Dire)

COLDIRETTI PARMA: Sono oltre 414 milioni di euro di esportazione agroalimentare dall’Emilia Romagna agli Stati Uniti che vengono messi a rischio dalla politica “protezionistica” del presidente americano Donald Trump. Secondo elaborazioni di Coldiretti Emilia Romagna su dati Istat, il 7,1 per cento dei 5,8 miliardi delle esportazioni agroalimentari regionali varcano l’Atlantico per approdare negli Stati Uniti che nel 2015 sono diventati il terzo partner commerciale della nostra regione dopo Germania e Francia.
I prodotti di qualità dell’Emilia Romagna – commenta Coldiretti Emilia Romagna – sono un forte richiamo per gli americani, con ampio spazio conquistato sui mercati statunitensi da vino e formaggio. Il Parmigiano Reggiano da solo occupa quasi un quarto delle esportazioni regionali verso gli USA, raggiungendo quasi 100 milioni di euro, arrivando ad insidiare il primo posto della Francia.
Si tratta di risultati ottenuti grazie ai primati qualitativi e alla sicurezza alimentare raggiunti dalla nostra regione – commenta Coldiretti Emilia Romagna – che vanno difesi rispetto ai rischi legati a una possibile stretta sulle importazioni, senza accettare compromessi al ribasso che mettono a rischio la qualità e la sicurezza alimentare, come la pretesa degli Stati Uniti di avere il via libera per le esportazioni di prodotti Ogm e di carne agli ormoni che la stragrande maggioranza degli italiani ha dichiarato di non volere.
Il rischio di chiusura delle frontiere o l’imposizione di pesanti dazi – rileva Coldiretti regionale – pone comunque l’esigenza di affrontare l’evidente problema di proliferazione sul mercato statunitense del fenomeno dell’italian sounding. Un fenomeno che vale già 20 miliardi di euro e che colpisce molti prodotti proprio dell’Emilia Romagna, in particolare il Parmigiano Reggiano, il prosciutto di Parma e il Lambrusco, di cui si trovano numerosi cloni tarocchi sul mercato americano.

Sostieni Rossoparma con una donazione

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner