0
0
0
s2smodern

Possibile Giuseppe Bizzi conferenza stampa sorridentePossibile salta un giro, il suo esponente Giuseppe Bizzi non si apparenterà né con Scarpa né con Pizzarotti: è questo l’esito della conferenza stampa che lo stesso Consigliere comunale ha tenuto nella sala stampa del Comune di Parma.
Peraltro, Regolamento alla mano, non si capisce bene perché assessori ormai decaduti (ma ancora al loro posto) passino il tempo a partecipare ad iniziative istituzionali, mentre ad un Consigliere comunale ancora perfettamente in carica (si è appena tenuta una Commissione sul Paip LEGGI e altre sono alle viste) si veda negata la sala stampa che è anche sua per statuto. Un Effetto Parma deve riguardare anche l’onestà dei comportamenti, pare.
Giuseppe Bizzi però non se ne preoccupa troppo, e comincia a snocciolare ad uno ad uno i punti salienti della propria esperienza di Consigliere, e quindi la battaglia nel Welfare per i disabili e “contro l’esternalizzazione dei servizi educativi”, “la difesa del referendum, che ha visto concedere questo strumento solo molte settimane dopo ai genitori di bambini all’asilo”, quella in ambito culturale per la gratuità degli ingressi nei musei di pertinenza comunale, alla fine accolta dalla giunta Pizzarotti. Sul fondo dell'articolo abbiamo posto tutta una serie di link narrativi di quanto fatto in questi anni.
A dividerlo dalla stessa giunta un po’ tutta la strategia riguardante i beni comuni e il fare cassa: “ho contestato la vendita delle quote di Emiliambiente, una società a totalità pubblica che gestisce un bene come l’acqua, che di fatto però il Comune voleva vendere per fare cassa: questa è una battaglia di cui vado particolarmente orgoglioso”.
L’attività di Bizzi, va detto, è stata piuttosto continuativa, a dispetto di un andamento “nazionale” della politica che ha condizionato tutti, non solo lui: quando l’area Civati, di cui è un esponente, ha scelto di staccarsi dal Pd lui ha formato un proprio gruppo consiliare, quello di Possibile. Quando Civati ha cominciato a limonare con Pizzarotti, la sua opposizione si è fatta “costruttiva”, per così dire ( LEGGI ). Uno degli aspetti della politica di cui i parmigiani sono particolarmente stanchi, che è poi ciò che fuori Parma non viene colto. Già, il “nazionale”: Possibile, Sinistra Italiana, renziani, Rifondazione Comunista...sono in tanti a trovare difficoltoso l'approcciarsi all’ambivalenza e al compatibilismo dei grillini, attuali o ex che dir si voglia. E anche Bizzi ha avuto il suo bel daffare, in tutto ciò.
Bizzi sgancia la bomba senza preavviso, in tal senso: “questa conferenza – dichiara ai tre cronisti accorsi (i giornali a Parma sono attualmente 12, più o meno) – è anche per annunciare che non mi ricandiderò alle prossime amministrative. Noi non abbiamo aderito alle primarie indette dal Partito Democratico, e considerati i motivi per cui ci siamo staccati dal PD non sarebbe stata coerente una partecipazione come Possibile, e quindi un’assunzione di responsabilità nelle primarie stesse. Il dialogo con Pizzarotti era soprattutto in una chiave nazionale: Possibile sarà con Effetto Genova alle amministrative, con Effetto La Spezia lo stesso. Se vogliamo costruire un campo di centrosinistra-sinistra alternativo al renzismo è chiaro che tutti coloro che si muovono in questa direzione devono trovare un dialogo. Certo, questo da un punto di vista nazionale: dal punto di vista locale io ho cercato di fare un’opposizione costruttiva e ho posto due condizioni fondamentali, e cioè che il passaggio di Pizzarotti rendesse chiaro non solo da dove usciva ma anche dove andasse, e quindi che fosse una chiara collocazione politica nel centrosinistra, e a livello locale che si aprisse una nuova stagione, in cui si ripartisse con umiltà dagli errori commessi, e su una discontinuità su alcuni temi, ma la tendenza è stata di replicare a sé stesso, e perciò io non posso che ribadire quanto ho fatto e detto in questi 5 anni di opposizione”.
Possibile Giuseppe Bizzi conferenza stampaMh, un fatto politico curioso, degno di riflessione: i pizzarottiani vengono appoggiati nei vari “effetti” d’Italia, ma non a Parma, dove c’è Pizzarotti stesso. La vendita delle azioni Iren, un debito fatto pagare interamente ai cittadini di Parma, lecito o meno che fosse, la cementificazione di aree di volume impressionante tipo l’Ex Salvarani, una valanga di dismissioni a vantaggio dell’Unione Industriali come Autocisa e Fiere di Parma...è molto complicato, per chi vive a Parma, dichiarare “di sinistra” Pizzarotti e dormire sereno la notte. E’ un fatto che sfugge fuori dai nostri confini ma platealmente evidente a chi a Parma ci vive.
“ La questione è che abbiamo fatto troppi convegni e dibattiti su cosa vuol dire essere di sinistra – risponde Bizzi, pungolato su questo tema - : noi con Possibile ci chiediamo invece cosa voglia dire fare concretamente cose di sinistra, e quindi partiamo dalle azioni e dai fatti. Rispetto alla tua riflessione ciò che chiedevamo come Possibile era una discontinuità rispetto alle azioni che hai citato. E’ chiaro anche che a livello macropolitico e nazionale, in un momento in cui il sistema politico è molto in evoluzione e in divenire, io credo che Possibile faccia bene ad aprire un dialogo ed un confronto con tutte quelle forze che si vogliono porre in alternativa a Grillo o a Renzi. Era necessario e sarà sempre necessario andare a vedere le carte di chi si oppone a queste forze”.
“Voto alla giunta Pizzarotti da sinistra? 5”, ci dichiara Bizzi. Poi, dopo un minuto di riflessione, aggiunge: “forse dal 5/6, se considero i tentativi di rigenerazione urbana”. Uno, prof di Religione, lo è dentro, lo è come vocazione. Ed un prof di Religione il voto basso non lo dà neanche alla giunta Pizzarotti: non gli viene proprio naturale.

PER APPROFONDIRE SU BIZZI GUARDA GUARDA GUARDA LEGGI LEGGI LEGGI LEGGI LEGGI LEGGI LEGGI LEGGI LEGGI LEGGI LEGGI LEGGI LEGGI LEGGI LEGGI

Sostieni Rossoparma con una donazione

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner