0
0
0
s2smodern

Fiat mignano 2 operai sul tettoDalle prime ore del mattino due dei 5 operai Fca Pomigliano licenziati in via definitiva quest’estate (per decisione della Cassazione), per protesta sono saliti sul tetto di un palazzo in piazza Barberini, non lontano dalla sede del ministero dello Sviluppo economico. Si tratta di Mimmo Mignano e Massimo Napolitano,
Con sè, oltre alla bandiera dei Si Cobas, hanno uno striscione che richiama lo stesso ministro “Di Maio con chi stai? I 5 operai licenziati Fca“. E’ proprio il ministro del Lavoro Luigi Di Maio che vogliono incontrare.
Il palazzo su cui sono saliti si trova tra via San Basilio e via San Nicola da Tolentino. La loro vicenda è nota: vennero licenziati nel 2014 (dopo aver portato avanti una serie di battaglie per rivendicazioni sulle condizioni di lavoro in fabbrica a Pomigliano) per avere inscenato la protesta in cui veniva riprodotta con un fantoccio l’impiccagione di Sergio Marchionne. Poi furono riassunti e poi di nuovo licenziati dopo la pronuncia della Cassazione.
La loro storia venne anche portata e ‘denunciata’ al festival di Sanremo da Lo Stato sociale: i cinque componenti della band bolognese salirono sul palco dell’Ariston ciascuno con un cartellino attaccato sulla maglietta: riportavano i cinque nomi degli operai licenziati.
Nel giugno scorso, Mimmo Mignano era stato già protagonista di un gesto eclatante: si era dato fuoco davanti a casa di Di Maio dopo la sentenza della Cassazione che ha dichiarato legittimo il licenziamento.
Le prime immagini della protesta di oggi sono state postate su Facebook alle 6.58 dallo stesso Mignano.
Il collettivo 48ohm ha dato vita a un presidio in piazza Barberini e tramite i social fa appello a partecipare in solidarietà a Mimmo e Massimo.

Sostieni Rossoparma con una donazione