0
0
0
s2smodern

ZFoto volantino 21765091 2185627934796613 8473041274174629365 nPochi politici fanno più ridere dei leghisti parmigiani. La considerazione non è tanto relativa allo spessore di una Laura Cavandoli, in realtà un’avvocatessa che un minimo ci prova, a fare ciò che ci si aspetta da lei (discorso analogo per Occhi e Campari, Amarù ad oggi non pervenuta), quanto per la mancanza di senso del ridicolo di esponenti politici legalitari quando si parla di poveri ( i profughi, in primis LEGGI DELLA VILLETTA DI SAN MICHELE TIORRE ), e decisamente elastici quando si parla di mentori politici ( LEGGI DI RIMBORSOPOLI ) o truffe allo Stato perpetrate dai propri leaders nazionali ( LEGGI DEL SEQUESTRO DI 49 MILIONI DI EURO , ridotto cautelativamente a 2 milioni alcune ore fa).
Oggi a Seregno hanno arrestato il sindaco forzista-leghista Edoardo Mazza. Si potrebbe ironizzare che un sindaco di destra non fa una Mazza per antonomasia, o che lui non c’entra una Mazza, e via dicendo, ma a dire il vero il tema è tanto serio da non prestarsi nemmeno a quella satira politica che tanto amiamo.
I Carabinieri sono stati negli uffici del primo cittadino per ore, e ne sono usciti da una porta laterale con il tizio sottobraccio. Pochi minuti e sarebbe stato accompagnato al Comando anche il vicesindaco Giacinto Mariani.
Il 38enne primo cittadino è stato ammanettato con l’accusa di corruzione, e la parola chiave di tutta la vicenda è una sola: ‘ndrgheta. Sotto la lente d’ingrandimento i rapporti dell’esponente leghista con l’imprenditore Antonino Lugarà. Un’operazione che ha condotto al fermo di 24 persone nelle province di Como, Monza, Milano, Pavia e Reggio Calabria.
Le accuse per gli arrestati? Associazione di tipo mafioso, estorsione, detenzione e porto abusivo di armi, lesioni, danneggiamento (tutti aggravati dal metodo mafioso), associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio, abuso d’ufficio, rivelazione e utilizzazione di segreto d’ufficio e favoreggiamento personale.
Un particolare politicamente rilevante: dalle intercettazioni emerge che, ed è testuale, l’imprenditore considerasse il sindaco “uno zerbino”. L’imprenditore ha, tra le altre cose, ottenuto il permesso di edificare un’area per costruire un supermercato come contropartita per i voti ricevuti nel 2015 .
Altro “vip” della politica lombarda a finire in manette è stato Mario Mantovani, vicepresidente della Regione Lombardia sotto il governatore Maroni, sempre Lega Nord. Un fronte, quello guidato da Bobo Maroni, che aveva già contato inquisiti e arrestati nel recente passato. Tanto per dire quanto faccia ridere il “Roma ladrona la Lega non perdona”.

Sostieni Rossoparma con una donazione

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner