0
0
0
s2smodern

Paip: con un boschetto mangiapolvere così ben congegnato siamo certamente tutti salvi dal cancro...ed anche un po' dal capricornoIl fatto che il Comune di Parma potesse essere nelle condizioni di poter concretamente impedire l'avvio dell'inceneritore di Ugozzolo era cosa nota anche al sottoscritto.  LEGGI 
Essendo abituato a parlare con le carte in mano avevo conseguentemente depositato una settimana fa una richiesta di accesso agli atti alla quale ad oggi non è stata data ancora risposta.
Le notizie pubblicate dalla stampa nella giornata di ieri scoperchiano di fatto uno scenario straordinariamente agghiacciante che, se fosse confermato, lede in modo definitivo e inequivocabile il rapporto di fiducia tra questa amministrazione e chi l'aveva votata proprio nella speranza che potesse intervenire efficacemente su questa partita.


Io credo che la gravità di quanto sta emergendo richieda un'immediata e completa trasparenza. Si rendano pubblici gli atti e si valuti nel merito quanto eventualmente accaduto. E soprattutto si risponda con precisione alle molte domande che in questo momento si sente l'esigenza di porre. Perché il l'Amministrazione non ha richiamato Iren al rispetto degli obblighi contrattuali? Quali contropartite sono state offerte? Il Sindaco non ha capito la portata della questione "schema fognario A7" o ha deliberatamente scelto di ignorarla?
In attesa di poter valutare le carte con la dovuta attenzione mi limiterò a rimarcare quanto la delicatezza della vicenda richieda a questo punto uno sforzo di straordinaria trasparenza da parte del Comune, trasparenza che non può certo esaurirsi addossando tutte le responsabilità alla Provincia.

Roberto Ghiretti
Parma Unita

Sostieni Rossoparma con una donazione