0
0
0
s2smodern

Ausl Casa della Salute insegnaDal 23 ottobre, tre seminari per riflettere e confrontarsi sul disagio infantile e adolescenziale aperti a professionisti sanitari, insegnanti, cittadini
Un’iniziativa dell’AUSL nell’ambito della rassegna 2018 “La salute della Salute Mentale”
Negli ultimi anni, i servizi dell’AUSL di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza hanno visto un aumento delle richieste di cura: solo nel 2017, i piccoli assistiti sono stati 3.772.
Per non correre il rischio di psichiatrizzare il disagio infantile e giovanile, prima del “prendere in cura”, è necessario ci sia il “prendersi cura”, un impegno dinamico e complesso, che coinvolge prima di tutto la famiglia, la scuola, ma anche il contesto sociale allargato e talora i servizi sociali.
Con l’obiettivo di confrontarsi sui temi della richiesta di cura, del prendere in cura e del prendersi cura, l’Azienda USL di Parma organizza tre seminari aperti ai professionisti sanitari, agli insegnanti, ai cittadini.
Il primo appuntamento è per martedì 23 ottobre alla Corte di Giarola (strada Giarola n. 11, Collecchio), con inizio alle 8.30. Tra altri, interviene Daniele Novara, pedagogista esperto in tematiche educative e gestione dei conflitti.
Il secondo incontro in programma è per l’8 novembre, nella Sala Conferenze “L. Anedda” dell’Assistenza Pubblica, in via Gorizia, 2, a Parma. Con inizio alle 8.30. intervengono i referenti del coordinamento regionale dei servizi di neuropsichiatria infanzia e adolescenza.
L’ultimo appuntamento è per il 23 novembre, sempre nella Sala Conferenze “L. Anedda”, alle 8.30. Interviene Paola Scalari, psicologa psicoterapeuta esperta di genitorialità, bambini e famiglie. Focus del seminario: il ruolo fondamentale della famiglia e del genitore, elementi insostituibili e determinanti per la crescita dei più giovani.
Il programma dettagliato del primo incontro è disponibili nel sito www.ausl.pr.it 
E’ un’iniziativa dell’AUSL di Parma, nell’ambito della rassegna 2018 “La salute della Salute Mentale”.

Sostieni Rossoparma con una donazione