0
0
0
s2smodern

Scarponi Rotti contrabbando foto‘’Lo facevano tutti, solo il prete non lo faceva’. Fa sorridere sentire questa frase detta da un vecchio ‘spallone’. Fa sorridere perché è espressione in realtà di una scelta di vita difficile, che fino agli anni 70’ voleva dire consacrare la notte alla Luna in montagna, sperando di portarsi a casa la bricolla, piena di caffè, riso e sigarette, e la pelle.
Il Contrabbando in Italia è antico quanto la sua nascita. Perché il contrabbando vive di FRONTIERE. Laddove esistono confini, esiste anche il contrabbando. E laddove le frontiere sono difficili da controllare, il contrabbando vive. La montagna diviene frontiera naturale da valicare, limite geografico non controllato che, seppur difficile da tracciare, diviene l’unica via per uomini e donne che di questo mestiere ne han fatto una scelta.
Cos’è che lo rendeva ‘Romantico’ allora, tanto tempo fa? Era il rapporto, la linea d’ombra che separava gli ‘sfrusadur’, dai ‘burlanda’, come venivano chiamate le due fazioni lassù, sul confine con la Svizzera. Linea d’ombra, sì, sfumata tra la complicità inespressa e la tolleranza manifesta. Non corruzione, ma mutuo aiuto. Amore e odio quindi. Ma anche conoscenza dell’altro, piena consapevolezza delle persone che si avevano davanti, della loro condizione familiare, dei veri motivi per cui uno ‘andava di frodo’. C’è chi davvero lo faceva per necessità, per sfamare i figli, soprattutto fino al primo dopoguerra. Dagli anni 50’ il contrabbando assume le dimensioni di un vero e proprio mercato controllato, con le sue regole e i suoi delitti. Sì, ma lontano dalle frontiere del Bel Paese? In Appennino il contrabbando ha radici più antiche forse, e risale al periodo delle terre dei Padroni. Era quello dei Ducati, ed era il contrabbando del sale! Con l’unità d’Italia il traffico va scemando, le montagne dell’attuale Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano cessano di essere crinali di confine per divenire un’unica terra sotto un’unica bandiera.
Ma il Contrabbando più emotivo è stato quello dal ’43 al ’45. Quando gli Spalloni diventano ‘Passatori’. Dopo la firma dell’Armistizio dell’Italia, si passa alla Merce umana. Difatti non tutti i contrabbandieri erano moralmente allineati, proprio come succede adesso. Cambiano i tempi, ma pochi sanno che al confine con le Alpi la Montagna viene ancora usata per il contrabbando. Solo che non è più esigenza, ora è pura convenienza, anzi vero e proprio guadagno. Soprattutto il confine alpino, è teatro di vite povere che tentano di passare giorno e notte per sfuggire al loro paese, per lasciarsi indietro guerra e omertà. Laddove esistono FRONTIERE, esisterà sempre il CONTRABBANDO.

Antea Franceschin – Guida Ambientale Escursionistica Tessera n. ER557

PER APPROFONDIRE SU SCARPONI ROTTI LEGGI E VAI A RITROSO NEI LINK

Scarponi Rotti foto anteaScheda presentazione Guida Antea Franceschin
Antea, classe 1988, una vita da pendolare tra Alpi e Appennini. Pur vivendo a Parma, le sue radici si trovano in un paesino delle Prealpi Svizzere, sul versante italiano del Lago di Lugano. Durante la fase universitaria ha fatto esperienza di vita in Liguria e per un anno a Barcellona, lavorando sui Pirenei ad un progetto rivolto all’analisi degli effetti del cambiamento climatico in ambienti non raggiunti dalle trasformazioni antropiche.
Lavora come Guida Ambientale Escursionistica e Educatore Ambientale per diverse Associazioni Ludico-educative e Sportivo-dilettantistiche a Parma. Antea ama mettersi in gioco, trasformarsi in tanti personaggi per divertire ma soprattutto per trasmettere il messaggio che la Natura è prima di tutto un continuo racconto, per grandi e per bambini.
Arciere dilettante per passione, membro del Gruppo di rievocazione storico-medioevale di Parma, Scout da una vita, Antea cerca ogni giorno con le sue attività di trasformare la sua passione e le sue conoscenze naturalistiche in una professione, grazie all'abilitazione come Guida Ambientale Escursionistica.

Sostieni Rossoparma con una donazione

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner