0
0
0
s2smodern

Polizia e Carabinieri in campagnaNegli ultimi cinque anni i comitati dell'Ospedale Vecchio hanno organizzato diversi presidi in difesa del complesso monumentale e delle sue istituzioni culturali, minacciate dalla speculazione privata (project financing) o dalla malagestione pubblica (Centro Cinema, Emeroteca, Biblioteche, ecc.)

In queste occasioni la presenza delle Forze dell'Ordine si è sempre manifestata al più col passaggio di alcuni vigili: in realtà strada D'Azeglio è molto trafficata, e non siamo certi che i passaggi fossero dovuti a questo o ad altro motivo.

 

Sabato invece abbiamo potuto notare, un po' stupiti, la CONTINUATIVA presenza di circa una decina di poliziotti e carabinieri a poca distanza dall'ironico e pacifico presidio.
Solo il giorno dopo, mentre i nostri amici No TiBre organizzavano un "buffet freddo" nei pressi del cantiere della devastante opera, ci siamo resi conto dei motivi della presenza.
Dopo essere stati fermati per un controllo documenti e vista la massiccia presenza di macchine di Polizia e Carabinieri, i NoTiBre hanno pensato di spostare il loro presidio.
Di fatto, è stata ostacolata un'azione pacifica e libera di attaccamento al territorio, nelle stesse settimane in cui un colossale attacco all'ambiente, lo spezzone Fontevivo-Trecasali, pagato da tutti gli automobilisti che percorrono l'autostrada Parma Mare, si sta svolgendo senza ostacoli.

Mentre circolano in rete gli articoli e i video della bella esperienza di sabato 17, che ha informato parecchi parmigiani su quanto accade a pochi km, contiamo di poter manifestare ancora solidarietà all'assemblea No TiBre.
Iniziamo con queste righe, che speriamo siano condivise da tutti coloro che ritengono fondamentale la tutela della libertà di espressione del dissenso e dell'informazione libera da interessi imprenditoriali.

Ambulatorio Ospedale Vecchio
Leggere tra le ruspe

Sostieni Rossoparma con una donazione