0
0
0
s2smodern

Ambulanza 118 Maggiore BELLAE' l'annus horribilis della balneazione “low coast” e della gita fuori porta con parenti e amici: gli incidenti si susseguono, provocando morti e feriti, e purtroppo anche oggi ne dobbiamo registrare uno, di un ragazzo appena 22 anni.

A darne notizia il soccorso alpino della stazione di Monte Orsaro, che hanno diffuso la nota qui di seguito. Va sottolineato come viga in molte località il divieto di balneazione e come sia sempre intelligente usare prudenza, nell'approcciarsi a madre natura.
“Intorno alle 14 – vi si legge - un ragazzo ventiduenne residente a Lodi ha rischiato di annegare mentre nuotava tra le acque del torrente: altri bagnanti, insospettiti dal fatto che il ragazzo non riemergeva con la testa, si sono avvicinati al giovane e resisi conto della gravità della situazione si sono prontamente attivati per riportarlo a riva, dove hanno iniziato le manovre di rianimazione sul greto del corso d’acqua.

 

Foto ElisoccorsoImmediatamente è stata chiamata la centrale operativa 118 di Parma, che ha avvertito la Croce Verde di Fornovo, arrivata in pochi minuti sul posto, mentre da Pavullo nel Frignano (Mo) si è alzato in volo l’elicottero con a bordo personale tecnico e sanitario del Soccorso Alpino. Per dare supporto all’eliambulanza è partita anche una squadra territoriale della Stazione Monte Orsaro, che ha collaborato nel prestare i soccorsi allo sfortunato bagnante.

Una volta sbarcata l’equipe sanitaria e stabilizzato il paziente, l’elisoccorso ha trasportato il ventiduenne lombardo – che grazie alle manovre rianimatorie dei bagnanti che lo hanno soccorso aveva ripreso a respirare - all’Ospedale Maggiore di Parma. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Varsi”.

Sostieni Rossoparma con una donazione