0
0
0
s2smodern

ZFoto WhatsApp Image 2018 10 10 at 12.11.08Sabato 13 ottobre la Comunità Nigeriana di Parma festeggia un anno di impegno per la collettività, grazie alla casa che accoglie le donne vittime di tratta

A un anno dall'apertura della casa che accoglie donne migranti in difficoltà, la "Praise House", l'associazione Festival of Praise and Care ci invita a fare festa insieme, sabato 13 ottobre dalle 10.45 in via Scirea 8, sede operativa dell’associazione. Un anno di una grande avventura per l’associazione e per la comunità nigeriana di Parma che ha dato vita a questa struttura come tributo di riconoscenza per l’aiuto e l’accoglienza ricevuta dalla città.

Sarà il modo per condividere i progressi, le difficoltà e le vittorie raggiunte “La Praise house – come afferma Iyanda Olufemi Emmanuel, portavoce dell’associazione- è un’esperienza nuova e unica. Per noi è un modo di dare il nostro contributo attivo alle donne nigeriane, soprattutto quelle vittime di tratta, per restituire al territorio l’aiuto ricevuto in passato, con una piccola ma importante azione concreta. E’ un esempio significativo a livello territoriale che vorremmo diventasse un modello di riferimento nazionale".

La giornata si apre al mattino con un momento di convegno al quale seguirà il pranzo e i balli tipici nigeriani. Saranno in mostra i lavori di creatività realizzati dalle ospiti della struttura.
Fra i relatori ci sarà Princess Inyang Okokon, mediatrice culturale nata in Nigeria. Lei stessa vittima di tratta, ora è responsabile dell’unità di strada dell’associazione Piam onlus di Asti, che aiuta le donne a liberarsi dalla schiavitù sessuale. In Nigeria ha coordinato un progetto di cooperazione internazionale per la prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale tra le lavoratrici del sesso. Si occupa anche di individuare le donne vittime di tratta tra le rifugiate provenienti dalla Libia.

I fondi raccolti nella giornata sosterranno progetti per la Praise House. “Festival of Praise and Care” è un’associazione di promozione sociale attiva sul territorio da più di dieci anni che lavora per l’integrazione dei migranti a Parma.

Sostieni Rossoparma con una donazione