0
0
0
s2smodern

Differenziata cestini intelligentiA Parma i cittadini continuano a confrontarsi con un approccio alla differenziata miope e insensato. I risultati? La città fronteggia un fenomeno di abbandono mai visto in queste proporzioni ( PER APPROFONDIRE LEGGI ), mentre l’inceneritore fagocita rudo in continuazione, ingrassando le casse del Comune di Parma (ah, già...si chiama mitigazione! PER APPROFONDIRE LEGGI ).
Altrove cercano soluzioni nuove, che sarebbe intelligente studiare e, se ritenuto opportuno, adottare: è il caso di Rimini, dove la grande concorrente di Iren, Hera, istalla postazioni per i rifiuti differenziati che si alimentano con l’energia solare.

Non sarebbe una bella idea adottarli anche a Parma? In fondo che cosa può accadere di peggio dell’attuale situazione? Poco o nulla, viene da pensare. In città la risposta alla situazione è consistita essenzialmente nell’apporre delle inutili placche metalliche ai cestini esistenti, con i risultati che si possono notare nella foto sotto, o semplicemente camminando per strada. Qualche anno fa una sperimentazione fu fatta, e sostanzialmente abbandonata...ed in questo si riassume la città di oggi.

I CESTINI INTELLIGENTI: FUNZIONANO A ENERGIA SOLARE E SANNO COMPATTARE PLASTICA E LATTINE
Parte da Rimini una nuova sperimentazione di Hera: da oggi in citta' saranno a disposizione tre nuove postazioni di cestini sempre piu' 2.0. Si tratta dei primi contenitori dedicati esclusivamente alla raccolta differenziata di plastica e lattine, e che oggi saranno posizionati in tre punti della citta': Piazzale Cesare Battisti; Via Quintino Sella e Piazzale Giulio Cesare. I nuovi contenitori Hera, che saranno affiancati a quelli classici gia' presenti e tradizionalmente utilizzati per raccogliere i cosiddetti rifiuti da passeggio, consentiranno di raccogliere, recuperare e compattare bottigliette di plastica, lattine di bibite e simili, una tipologia di rifiuto tendenzialmente in aumento durante la stagione estiva. Il compattatore si autoalimentera' e non avra' bisogno di energia esterna. Un pannello solare, infatti, accumulera' l'energia pulita necessaria per consentirne il funzionamento.
Differenziata cestino con sbarreEnergia pulita, dunque, e sistema di compattamento che consentira' di ridurre l'ingombro dei rifiuti conferiti e raccoglierne quantitativi superiori. L'energia solare permette anche il funzionamento di una parte elettronica per la trasmissione di dati importanti sul livello di riempimento del cestino stesso e la segnalazione di eventuali anomalie. I contenitori sono dotati di elementi grafici e di comunicazione semplici ed efficaci, in grado di identificare immediatamente i prodotti che possono essere conferiti al loro interno.

(La seconda foto è presa da una strada di Parma)

Sostieni Rossoparma con una donazione