0
0
0
s2smodern

Consiglio comunale2017 Delegato Sicurezza Sauro FontanesiUna notizia che riceviamo dalla Questura di Parma e che lasciamo intatta: ci pare renda perfettamente il quadro della situazione in città.
“Alle ore 12.15 – si legge nella nota - circa personale della Squadra Volante si portava in via Pellico presso la tabaccheria denominata Pellico per rapina. Sul posto il proprietario, riferiva che dopo aver parcheggiato la sua autovettura nei pressi dell’attività, si accorgeva che di fianco si era parcheggiata un’altra autovettura al centro strada. Insospettito si portava fuori dalla tabaccheria, notando la portiera posteriore lato guida aperta ed il vetro infranto, con all’interno un uomo intento a rovistare sul sedile ed un altro uomo che vistosi scoperti, infrangeva il lunotto posteriore con un cacciavite, per agevolare il complice. La sorella del proprietario, uscita anche lei dall’attività per dare un aiuto al fratello, afferrava l’uomo che aveva infranto il vetro per il giubbotto, ma questo si voltava e con la minacciandoli con il cacciavite usato in precedenza, dandosi alla fuga a bordo dell’autovettura in precedenza parcheggiata vicino alla loro. Le vittime riferivano inoltre che gli autori calzavano dei guanti durante l’azione criminosa, in modo da non lasciare impronte. Inoltre fornivano le seguenti descrizioni dell’uomo che aveva infranto il vetro dell’auto. Da accertamenti effettuati sul posto gli operatori rintracciavano un testimone che aveva assistito al fatto, il quale confermava la descrizione fornita dalle vittime ed inoltre consegnava dei filmati che ritraeva la scena della fuga dei rei a bordo dell’auto, riuscendo anche a riprendere la targa del veicolo che risulta intestata ad un cittadino straniero residente a Bologna moldavo di 40 autovetture. Successivamente il proprietario si avvedeva che gli autori del predetto evento, avevano forato la gomma anteriore dell’auto della vittima, in modo da non essere seguito”.

PER APPROFONDIRE IL TEMA SICUREZZA LEGGI E VAI A RITROSO NEI LINK

Sostieni Rossoparma con una donazione