0
0
0
s2smodern

APE Parma volantinoSta prendendo piede, nel vero senso della parola: il gruppo escursionistico vicino all’Ateneo Libertario, costituitosi in seno al circuito di associazioni dell’A.P.E. , sta cominciando a calendarizzare le uscite, nonostante le incertezze di un meteo ballerino come non mai.
“ Abbiamo fatto una prima escursione quache settimana fa – ci ha detto uno degli organizzatori, Francesco “Cisco” Salton -, di trekking urbano dedicato al farci conoscere. Un esordio semplice, dedicato a famiglie e bambini, nel quale abbiamo toccato vari punti che per noi erano importanti perché legati alle lotte proletarie e di classe, soprattutto dell’Oltretorrente e del Naviglio, zone in cui si sono tenute le battaglie legate alle Barricate antifasciste e che abbiamo terminato riunendoci alla lapide dedicata a Cieri. La prossima uscita prevederà un percorso montano da Bosco a Lagdei, che faremo precedere da delle pre-escursioni di monitoraggio, per vedere la fattibilità del percorso e si dedicherà ai sentieri partigiani. Più avanti ci porteremo nell’alta via dei laghi e quindi ne faremo una nella bassa, e stiamo però studiando bene quale possa essere una zona di interesse naturalistico e culturale”.
A.P.E. , è bene dirlo, non si dedica solo alle famiglie né solo ad escursionisti esperti: progetta percorsi diversi per partecipanti diversi, affinché ciascuno possa trovare qualche occasione adatta alle proprie capacità e condizione.
L’evento di domani? “Alle 9.00 – scrivono gli “Apisti” - ci troveremo al campo base dell'Associazione Proletari Escursionisti in via Testi 2 a Parma. Organizzeremo delle macchine per salire fino a Bosco di Corniglio dove inizierà il percorso.
Alcune macchine poi si stacheranno per arrivare al rifugio di Lagdei, così il ritorno i bimbi e i più stanchi potranno farlo in macchina. Il percorso con le pause durerà 4 ore.
Il percorso si svolgerà nel primo (breve) tratto sull'asfalto e poi imboccheremo la mulattiera che porta in località Lagdei. Non è molto impegnativo, la pendenza massima è del 36% e 350 m di dislivello su 5 km.
Portare pranzo al sacco, borraccia o bottiglietta d'acqua, impermeabile, scarponi e per chi li ha i bastoncini da trekking”.
Insomma, una bella occasione per stare assieme a compagni, e comunque a belle persone, dedicare del tempo a sé stessi e alla natura che ci circonda e per ri-conoscere la storia di coloro che ci salvarono dalla barbarie degli assassini nazi-fascisti.

PER APPROFONDIRE LEGGI 

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner