0
0
0
s2smodern

Area Camper Parma entrataL'area Camper, in definitiva, racconta un po' il valore dell'assessore Cristiano Casa sul versante del Commercio: rimasta chiusa per lunghi tratti, quell'infausta collocazione fu anche oggetto di polemica politica vibrante tra Vittorio Dall'Aglio, presidente dell' Assocamp, e la giunta Pizzarotti.
Il fase risolutiva non si arrivò ad alcunché di particolarmente interessante o riuscito: al vecchio gestore venne fatta subentrare l'Ivri e un'altra realtà, con compiti e mansioni diverse rispetto alle precedenti.
Chiunque vada a fare la spesa in un supermercato dai prezzi popolari posto lì di lato è perfettamente conscio di quanto la nuova offerta sia risultata poco attraente al popolo dei camperisti.
Un bel guaio, se consideriamo che la nostra città ospita, ironia della sorte, il Salone del Camper, la più importante rassegna italiana sul tema e la seconda in assoluto in tutta Europa.
Preso probabilmente atto dello scarso gradimento, ecco che il Comune di Parma affida ad un tecnico la valutazione degli ulteriori lavori da fare, e come risultato ne derivano un nuovo esborso ed un ulteriore rinvio del “rilancio”, per così dire.
Il funzionario incaricato, il geometra Giuseppe Naddeo di Parma Infrastrutture, stila una “lista della spesa” che va dalla copertura del lavandino esterno allo spostamento dell'insegna del bar: un elenco di 19 voci che nell'insieme compongono il “core” dei lavori oggetto dell'allegato alla determina.
Questa, la 2076 a firma Andrea Mancini, accoglie la valutazione tecnica ed impegna la cifra di 19 mila 886 euro per il restyling.
Se ne otterrà un beneficio di fondo? No, probabilmente no.
Il fatto è questo: il popolo dei camperisti è tra i più appassionati in assoluto. E' fondamentalmente rassomigliante a quello degli harleysti, solo su quattro ruote e massimamente in prospettiva “green”. Nel loro mondo sono abituati da un lato ad un fitto scambio di comunicazioni rispetto a pregi e difetti delle varie location, e dall'altro a strutture decisamente di altro livello rispetto alla nostra area camper cittadina.

L'esempio più eclatante? A Roma l'area park Colombo è a due minuti di distanza dal Colosseo, a tre dalle catacombe. Costo giornaliero: 20 euro. A Parma? Noi li abbiamo piazzati al parcheggio scambiatore di via Emilia Ovest, di lato al Metano. Costo giornaliero: 20 euro. Se non foste di Parma, quale scegliereste? Ecco, il resto (compresa questa ennesima estate sprecata) è effetto domino.

PER APPROFONDIRE: LEGGI LEGGI LEGGI

Sostieni Rossoparma con una donazione