0
0
0
s2smodern

ZFoto INPS lettera"Tra il giorno 4 e 5 luglio - ci scrive Monica, una lettrice di Rosso Parma (e viceversa, in effetti) - molti lavoratori ex enpals (ovvero lavoratori iscritti alla cassa previdenziale dello sport e spettacolo ora inglobata dall' Inps) hanno ricevuto una lettera dove si diceva che in relazione all' anno 2010 e alla relativa dichiarazione dei redditi si era appunto dichiarato una cifra per cui non risultavano essere stati pagati nessun contributo previdenziale ad alcuna Cassa e quindi secondo loro dovevamo pagare la gestione separata.

L' Inps quindi ricalcolava la cifra da pagare per la gestione separata sui redditi dichiarati, cifra che poi causa gli interessi maturati nel tempo arrivava al doppio, quindi in media ci siamo trovati cifre da pagare tra i 2000 e 10.000 euro minimo.

Invece i contributi enpals erano stati correttamente pagati come risulta da dichiarazione dei redditi e cud della azienda-ente, ma per assurdo andando a controllare il mio estratto conto personale on line per il calcolo della pensione pure li risultavano già conteggiati.
Dichiarazione dei redditi del 2010-unico2011 che tra l'altro poteva essere già prescritta in quanto l'agenzia delle entrate quando ti manda la lettera di avvenuto controllo diceva che quella relativa al 2010 bisognava tenerla fino a fine 2015 per eventuali ulteriori controlli.

Tramite il passaparola tra amici e Facebook sono venuta a sapere che eravamo in tanti ad averla ricevuta, da qui si è scatenato un inferno!e si è capito che in tantissimi la avevamo ricevuta e oggi tutti a sentirci per capire come procedere.

Allora tra varie telefonate ai call center e uffici risulta che:
all'inps oggi sono stati tempestati da telefonate per questa faccenda,
hanno ammesso che è stato un errore e che per fine settimana rettificheranno,
risulta che è stata inviata a 10.000 persone tutti lavoratori dello spettacolo
chiedono di fare ricorso on line

Questa lettera è stata inviata tramite raccomandata quindi immaginati che costo ha avuto.

Questo quanto".

Sostieni Rossoparma con una donazione