0
0
0
s2smodern

Polizia di Stato droga berrettoChe culo! Sì, obiettivamente è un giudizio poco rispettoso della divisa, ma a ben guardare non è neanche facile darne uno molto differente, dovendo giudicare il fatto di cronaca di oggi.
Essenzialmente è accaduto questo: al 113 è arrivata una chiamata da una donna, che chiedeva aiuto nel bel mezzo di una evidente lite famigliare.

Il ricevitore, però, è stato preso da “lui” prima che la stessa potesse dare gli estremi del domicilio, che ha detto che tutto era risolto e ha messo giù. La voce è parsa comunque famigliare, all'operatore, e riconducibile ad un intervento già effettuato per motivi analoghi in via Savani (che ricordiamolo sempre: non è solo un auspicio dell'ormai isolato Pizzarotti, ma è anche un indirizzo). Solo che l'operatore, va capito vista la mole di chiamate ricevute, invece che il civico 3 ricordava il civico 7 (dove effettivamente risiede il “lui” della lite, non la “lei”).

 

Polizia di Stato Chiara Ippoliti VolantiCom'è, come non è, gli uomini delle Volanti si sono precipitati in via Savani 7 per controllare che la donna stesse bene, e che realmente tutto fosse risolto. Chiesto ai vicini se ci fosse una coppia giovane, questi hanno indicato un pianerottolo con “gente nuova”. Entrati in casa per controllare gli agenti si sono trovati di fronte, in una delle stanze, ad un vero e proprio supermarket dell'anfetamina: su un tavolino erano appoggiati oltre un etto di sostanzia da taglio e 29 grammi di sostanza attiva, oltre a 365 euro in contanti. I due pusher, 24 e 21 anni rispettivamente, erano incensurati e in Italia con un regolare permesso, rilasciato per motivi umanitari ( da non confondersi con il programma che riguarda i rifugiati di zone di guerra conosciuto con la sigla di Sprar ): sono stati ovviamente “blindati” e portati davanti al giudice, che li ha inviati in via Burla per 8 mesi.
Il titolare del contratto di affitto, che aveva subaffittato una stanza dell'appartamento, era estraneo al “giro”. La donna di via Savani 3 sta effettivamente bene.
GUARDA LA DIRETTA DELLA CONFERENZA STAMPA

Sostieni Rossoparma con una donazione