0
0
0
s2smodern

ZFoto Parco Martini Audace lavori“Credo – scrive Erika, una nostra affezionata lettrice - che in molti cittadini seguano con passione lo scempio delle aree verdi comuni a Parma, che sappiamo delegate a società sportive ed associazioni o enti commerciali ( giochi gonfiabili...) con delibere estive ( vedi parco Ferrari, Martini...). Un convegno ha riunito di recente associazioni di cittadini volontari per fare il punto sugli orti condivisi: si tratta di un esiguo numero di benemeriti che si prendono cura di un paio di fazzoletti di verde in quartiere, alcuni sono vicini alla giunta, ma mica tutti. La giunta dichiara di voler dare a queste associazioni più spazio e forza, e anche dichiara di farlo nel nome di una traduzione di estrema sinistra di orti urbani.

Vorrei far riflettere i lettori di Rossoparma su due punti: il primo è che la cessione di aree comuni a terzi è un processo di privatizzazione, una gentrificazione molto lontana dall’idea che spero molti di noi abbiano di cosa significhi spazio comune; per fare un esempio: se io cedo in concessione per sette anni ad Audace un campo da calcio che prima era libero e, sempre per esempio, la società alza palizzate di tre metri ( PER APPROFONDIRE LEGGI DI QUEL "REGALINO" DI GIOVANNI MARANI ALLA SOCIETÀ DI CALCIO ) e permette l’accesso al campo solo a chi si sia iscritto con 400 euro di tassa, se la società, non paga, installa, senza nessun permesso, un container ad uso spogliatoio, non mi pare stiamo andando in una direzione di condivisione. Secondo: la giunta è in causa da tempo sulle piantumazioni compensative previste per l’inceneritore, si pianta poco e i pm10 sono alle stelle (da cui malattie e morti da Pm10 in drastico aumento PER APPROFONDIRE LEGGI E VAI A RITROSO NEI LINK), NON si parla di riforestazione urbana, benchè fosse nei principi elettorali di ciascuna delle liste. Forse oltre agli orti urbani servirebbe una riflessione piú ampia sulla qualità dell’aria e su un verde davvero partecipato. Meno entusiasmo e più serietà farebbero un verde urbano e un’aria migliori”.

Sostieni Rossoparma con una donazione