0
0
0
s2smodern

ZFoto volantino gruppo premiatiVeronica Vignali, Michele Bertoli e la squadra Open Volley, protagonisti del 2017. E la miglior promessa è Luigi Boni
Nel 2017 hanno brillato nel firmamento dello sport locale, nazionale e internazionale, dando lustro a Sala Baganza, paese di nemmeno 6.000 anime dove i tesserati alle società sportive, se non è un record poco ci manca, sono 700.
Si tratta di Veronica Vignali, Michele Bertoli e della squadra Open del Sala Baganza Volley, vincitori del premio “Eracle”, e del giovane Luigi Boni, che si è aggiudicato il titolo “Mariangela Diemmi”, dedicato alla professoressa di educazione fisica che per anni ha insegnato alla scuola media di Sala Baganza.
Alla cerimonia di consegna, presentata dal giornalista sportivo Alessandro Freschi, che si è svolta nella serata di venerdì 19 gennaio nella Sala convegni della Rocca Sanvitale, hanno partecipato tanti salesi e diversi rappresentanti delle società sportive parmensi. Il premio Eracle riservato al “Miglior atleta dell’anno” è andato a Veronica Vignali, pesista in forze, ed è proprio il caso di dirlo, alla Hasterophilia Labas di Parma. Nel 2017 Veronica è arrivata seconda nella Coppa Italia Juniores (Categoria 63 kg.), 17esima ai Campionati Italiani seniores (Categoria 69 kg.), e ha partecipato a diversi tornei internazionali. A consegnarle il premio è stato Paolo Popoli, pesista paralimpico che l’anno scorso ha vinto per la quarta volta il titolo italiano.
Il premio Eracle “Miglior dirigente/allenatore dell’anno” se l’è aggiudicato Michele Bertoli della società di calcio ACD Sala Baganza. Bertoli ha iniziato a fare il dirigente a soli 17 anni e grazie alla sua competenza e simpatia, è diventato un importante punto di riferimento per i giovani calciatori salesi. Bertoli ha ricevuto il riconoscimento da Fulvio Ceresini, ex presidente del Parma Calcio figlio dell’indimenticato Ernesto, patron dei gialloblù dal 1976 al 1990.
La “Miglior Squadra dell’anno”, sempre per quel che riguarda il premio Eracle, è stato invece il team Open del Sala Baganza Volley. Una squadra particolare, quella allenata da Paolo Guatelli, formata perlopiù da mamme che hanno ricominciato a giocare dopo diversi anni di inattività con grinta e passione, cogliendo il quinto posto nel campionato provinciale e arrivando quarta nella Coppa Emilia-Romagna. Le sempreverdi ragazze del volley salese hanno ricevuto il premio da Alessia Soncin, ex libero della squadra collecchiese tra il 1998 e il 2002, con la quale ha raggiunto la promozione in Serie A2.
La “Miglior promessa dell’anno” under 16, alla quale è andato il premio “Mariangela Diemmi”, è stata Luigi Boni, selezionato come esterno nella squadra dell’Emilia-Romagna di baseball. Grazie alla vittoria nel Campionato europeo, la rappresentativa regionale ha staccato un biglietto per partecipare alle World Series Senior League che si sono disputate a Easley in North Carolina, dove Luigi ha chiuso il torneo con una media battuta di 500. La giovane promessa oggi gioca con la maglia della Crocetta di Parma, ma i suoi primi passi nel batti e corri li ha mossi nell’ASD Baseball e Softball Club Sala Baganza Baseball Club, società che vanta una prima squadra nella Serie A federale e che nel 2018 verrà insignita della Stella d’Argento al merito sportivo del Coni. A premiare il giovane atleta è stato Jo Sassi, mental coach che ha seguito proprio la selezione emiliano-romagnola ed ex giocatore scudettato di baseball.
Il vicesindaco e assessore allo sport, Giovanni Ronchini, ha ricordato come a Sala Baganza si svolgano, ogni anno, «venti manifestazioni sportive di livello provinciale, regionale, nazionale e internazionale». «Lo sport veicola cultura, disciplina, rispetto per gli altri, benessere e salute – ha sottolineato il vicesindaco –. Ci sono famiglie e volontari che si impegnano per consentire ai ragazzi di fare sport e questo è un valore incredibile per la nostra comunità. I quattro protagonisti che abbiamo premiato stasera – ha concluso Ronchini – sono la punta di un iceberg di un movimento meraviglioso».

Sostieni Rossoparma con una donazione