0
0
0
s2smodern

Carabinieri Nucleo Radiomobile conferenza stampaUn caso di quelli che lasciano sbigottiti. No, non per il rapporto “madre-figlia” (ogni famiglia fa storia a sé), ma per l'età della consumatrice: appena 12 anni. Moralismi da bassa lega? Insomma, se ne potrebbe discutere: ad un figlio è bene spiegare con serietà la questione sulle droghe leggere, non dare la roba prima che lo stesso termini la seconda media.
Ieri mattina i Carabinieri hanno fatto un giro di controllo nel “giardino di casa”, per così dire (il Parco Ducale dà proprio sul Comando Provinciale dell' Arma), andando a controllare un gruppetto di 5 ragazzini, alcuni dei quali già noti alle forze dell'ordine in quanto assuntori.
La domanda di rito è sempre la medesima: “avete qualcosa da dichiarare?”. Al che una pre-adolescente, 12 anni per l'appunto, ha consegnato spontaneamente 9 grammi di marijuana, suddivisa in 3 dosi. La risposta rispetto al dove l'avesse trovata ha ancor più sorpreso i Carabinieri: “a casa di mamma”, ha detto la bimbetta. I militari ci sono poi andati, a casa di mamma: ci hanno trovato oltre due etti di ganjia, nascosta in sei barattoli piazzati sotto il letto. La madre è stata tratta in arresto (ai domiciliari) in attesa del processo, la ragazzina è stata affidata al padre.

Sostieni Rossoparma con una donazione