0
0
0
s2smodern

ZFoto volantino AutorespetoQuando davvero ci sentiamo in sintonia con noi stessi, pieni di amore personale, allora parliamo di amor proprio: uno stato fondamentale per star bene, per vivere bene anche col mondo che ci circonda, con l’immagine che riflettiamo di noi e sul modo in cui proviamo ad affrontare ed eventualmente risolvere i nostri problemi. Non confondiamo l’amor proprio con l’egoismo, il narcisismo o la superficialità perché invece trattasi di un elemento indispensabile per il nostro benessere, con la capacità di poter entrare in connessione con ogni parte di noi. Ovviamente la cura della propria immagine fisica oltre a quella culturale e mentale, il tempo trascorso con amici e parenti o semplicemente con noi stessi, sono tutte attività importanti per coltivare questo stato. Eppure, non è tutto qui. Quando si parla di amor proprio, abbiamo a che fare con qualcosa di decisamente dinamico, in divenire perenne, in un crescendo costante tramite azioni che ci fanno maturare, quando iniziamo ad accettare le nostre debolezze, quando riconosciamo le nostre competenze e non sentiamo il bisogno costante di dover dare spiegazioni sulle nostre carenze. Imparare a conoscersi, ascoltando nel profondo i propri pensieri, desideri, bisogni senza sentirsi attanagliati dai desideri altrui. Concentrarsi su se stessi, prendendosi cura delle proprie necessità a costo di stabilire dei limiti ed avere il coraggio di dire dei “no” a tutto quello che ci può ferire a livello fisico, mentale e spirituale. Perdonarsi, smettendola di essere così duri, esigenti verso se stessi: essere responsabili delle proprie azioni non vuol dire doversi fustigare in eterno. Amarsi significa anche imparare dai propri errori, accettando la propria fallibilità, perdonandosi. Più si è consapevoli di se stessi e di cosa accade nella propria vita e maggiormente sarà possibile riconoscere in maniera nitida gli obiettivi da raggiungere. Amor proprio non è soltanto volersi bene, autostimarsi e proteggere la propria dignità, è molto di più. È l’equivalente di ciò che desidereremmo per la persona che più al mondo amiamo rivolto anche per noi stessi. Sembra ovvio, ma convincersi che l’amor proprio significhi volere il proprio bene in primis non è poi così scontato. Chiunque smetta di amarsi, presto o tardi inizia a stare male con se stesso. Ritrovare l' amore per se è un passaggio chiave, faticoso, doloroso e di non facile comprensione. Uno dei comandamenti più antichi del mondo recita: “ama il prossimo tuo come te stesso”. Troppo spesso ci focalizziamo sulla prima parte della frase: ama il prossimo tuo, dimenticando totalmente la seconda: come te stesso. Aggiungo che è soltanto imparando ad amare noi stessi che possiamo davvero amare il nostro prossimo. Amarsi senza sensi di colpa e senza sentirsi degli egoisti, ci permetterà di stare bene con la nostra persona quando trionferemo e di coccolarci quando inevitabilmente prima o poi subiremo delle sconfitte. Parola di Counselor!
Per scrivermi, per pormi domande e per approfondire i temi che affronto: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. 
LA MIA PAGINA E' QUESTA
PER ISCRIVERTI AL GRUPPO FACEBOOK
PER APPROFONDIRE LEGGI E VAI A RITROSO NEI LINK

Sostieni Rossoparma con una donazione