0
0
0
s2smodern

Donna amore cuore spezzatoNon si tratta di un semplice detto popolare: “quello che non ci uccide ci fortifica”, ma anche il risultato di uno studio pubblicato sul Journal of Personality and Social Psychology, in cui si afferma che gli eventi avversi della nostra vita, come lo potrebbe essere la fine di una relazione di coppia più o meno duratura, aumentano la nostra capacità di resilienza e ci aiutano a migliorare il nostro atteggiamento mentale verso la vita, regalandoci preziose occasioni di crescita ed evoluzione.

Con la fine di un matrimonio, di una convivenza, ci possiamo sentire abbandonati, temere la solitudine, sentirci minati nella nostra autostima e cosa ancor peggiore, non avere più fiducia nell'amore, nel prossimo che incontreremo e che potrebbe nuovamente farci battere il cuore. Certe volte, la rottura di una relazione potrebbe portarci a comprendere cose di noi stessi che sarebbe utile conoscere prima di incappare in una nuova storia. Accettare che la coppia, qualsiasi essa sia, è imperfetta, che non dovrebbe essere idealizzata e tantomeno dovrebbe soffocare il nostro essere un individuo libero di scegliere e realizzarsi sarebbe già un gran passo in avanti. Nelle future storie impareremo a considerare la possibilità che sia umano fallire e che alcuni meccanismi del rapporto potrebbero indurre noi stessi o il partner a sbagliare. L'esperienza vissuta può servire a riconoscere ciò che non va, imparare a prevenire e non far accadere ciò che è successo nel passato. Una esperienze traumatica come quella di una separazione e di un divorzio potrebbe esser utile a porci delle domande su cosa per noi, è o meno importante in una coppia? Chi vorremmo al nostro fianco? Quanto siamo disposti a lasciar correre scendendo a compromessi e a cosa proprio non rinunceremo mai più? Saremo ancora in grado di lasciarci andare e buttarci in una nuova storia d'amore? Non sempre è facile riaprire il capitolo della propria vita sentimentale, tantomeno concedersi il lusso di un flirt, ancor peggio se vi sono dei figli in ballo. Di certo una separazione necessita del giusto tempo per essere rielaborata, digerita, superata. Riemergere dalle macerie di un rapporto perduto, fallito, ci porterà ad essere molto cauti in una nuova storia per cercare di controllare le nostre emozioni, le nostre paure, i dubbi, temendo che ci si invischi a capofitto solo per non sentire il senso di vuoto e solitudine. La cosa importante sarebbe quella di riuscire a focalizzarsi su se stessi e non fare in modo che l'altro o l'altra diventino il perno a cui tutto il mondo ruota attorno. Imparare a fidarsi della nostra capacità di scegliere e sentire, ad ascoltarci per capire cosa davvero desideriamo. L'altro dovrebbe poter essere un valore aggiunto nella nostra vita in quel preciso momento, senza avere la pretesa di fare investimenti a lungo termine e, soprattutto, senza caricarlo di responsabilità che appartengono a noi e noi soltanto. Non acceleriamo i tempi, concediamoci intimità con noi stessi, assaporiamo il tempo in solitudine con la nostra persona, i nostri spazi e godiamoci il corteggiamento senza voler arrivare ad una “concretizzazione” della storia ad ogni costo. Restiamo nel presente con la consapevolezza che un amore può essere eterno anche in un solo giorno. Godiamo del momento presente, delle nostre emozioni, imparando a riconoscerle, a dare loro un nome e quindi a gestirle senza farci travolgere. Parola di Counselor! Per scrivermi, per pormi domande e per approfondire i temi che affronto: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. 

LA MIA PAGINA E' QUESTA

PER ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK

PER APPROFONDIRE LEGGI E VAI A RITROSO NEI LINK

Sostieni Rossoparma con una donazione