0
0
0
s2smodern

ZFoto Parma1913 Lucarelli 1Una festa ed un festeggiato. La festa è quella che si è tenuta allo stadio Tardini in onore dei ragazzi di D’Aversa e dei rappresentanti della società, il festeggiato è stato però soprattutto Lui, il Cap: Alessandro Lucarelli.
“Credo sia giusto – ha fatto sapere la colonna del Parma di questi anni - che quella di Spezia debba essere l’ultima immagine della mia vita da giocatore. Non c’è un momento che mi possa rendere più orgoglioso. Di sicuro non lascerò questa squadra, questa società, questi tifosi: continuerò comunque a far parte del Parma, vedremo poi in che veste. Credetemi, lo dico con un magone immenso e con il cuore che urla: sono orgoglioso di aver fatto parte della vostra storia. Di essere stato Capitano di questa grande squadra. Di aver vestito questa splendida maglia. Di essere stato Alessandro #Lucarelli. Uno di voi".
La società ha ritirato la maglia numero 6, che rimarrà per sempre associata al giocatore che più di tutti l’ha vissuta.
Sul Tardini hanno sorvolato anche le parole del presidente Lizhang, che ha detto: "Durante questa risalita abbiamo mostrato al mondo il nostro coraggio: nessuno più dei nostri ragazzi può essere chiamato eroe".
Inutile aggiungere che enorme gioia è stata espressa anche da Daniele Faggiano, Luca Carra e dal resto della società ducale. I gialloblu sono già al centro di importanti voci di mercato (Balotelli, tanto per citarne una), ma la vera impresa, la mossa più importante in assoluto, sarà il mantenimento di quello spirito che proprio Lucarelli ha saputo incarnare. Se ci sarà, la serie A sarà comunque inorgogliente.

ZFoto Parma1913 Lucarelli grazie2 750x330C’È SOLO UN NUMERO 6: 6RAZIE CAPITAN LUCARELLI
Il Capitano, il nostro Capitano, il Capitano di tutti noi Crociati ha valutato il momento e il luogo opportuni per comunicarci la sua ultima decisione.
Per annunciarci la sua scelta, che ci ha fatto piangere e al tempo stesso emozionare e riempire di orgoglio, mentre ha proferito commosso, con gli occhi lucidi e il groppo in gola, ma anche tanta carica, le parole per spiegarla.
Come è accaduto ogni volta in cui, tra gioie e sofferenze, in questi dieci anni insieme a noi, in campo e fuori dal rettangolo di gioco, ha compiuto un passo, ha adempiuto un compito, ha completato un percorso, ha lanciato un messaggio.
Alessandro Lucarelli, stasera, nella nostra casa, sul prato e sotto il cielo dello stadio Ennio Tardini, davanti a tutti noi, riuniti per celebrare la felice e storica conclusione del cammino intrapreso dalla nostra comunità per rinascere dalle ceneri con lui condottiero, ci ha manifestato che lascerà il calcio giocato. Pur continuando a indossare e a difendere, come tuti noi, la maglia Crociata del Parma Calcio.
Il Capitano ha parlato ai nostri cuori con il suo cuore.
E non è tutto.
Alessandro Lucarelli è il Capitano per eccellenza della secolare storia della squadra di pallone della città di Parma.
Il Parma Calcio 1913, in concomitanza con la scelta di Alessandro di lasciare il calcio giocato, comunicata stasera allo stadio Ennio Tardini in occasione della festa dedicata alla tre promozioni conquistate in tre anni dal club, ha deciso di ritirare la maglia numero 6 che il nostro Capitano ha portato ininterrottamente sulle sue spalle dalla stagione 2008/2009 a oggi.
Una casacca con cui Lucarelli ha stabilito e detiene importanti primati che difficilmente, in futuro, potranno essere eguagliati e superati.
Due su tutti. E’ il calciatore che, con il Parma, ha disputato il maggior numero di partite di campionato tra Serie A, Serie B, Lega Pro e Serie D: 333.
E’ il giocatore che, con la nostra squadra, ha segnato gol in quattro categorie diverse: Serie A, Serie B, Lega Pro e Serie D.
Il Capitano complessivamente ha indossato e vestito la maglia Crociata in 351 occasioni (quarto di tutti i tempi) andando in rete 21 volte, contando anche le gare di Tim Cup, Coppa Italia Dilettanti e Coppa Italia Lega Pro, Poule Scudetto Serie D e playoff di Lega Pro.
Alessandro Lucarelli è stato anche il giocatore pìù anziano per età anagrafica (40 anni) nel Dopoguerra a giocare nel nostro club.
PRESENZE CON LA MAGLIA DEL PARMA IN CAMPIONATO
1) Alessandro Lucarelli 333
2) Ermes Polli 310
3) Ivo Cocconi 307
4) Luigi Apolloni 304
5) Lorenzo Minotti 280
6) Antonio Benarrivo 258
7) Giovanni Colonnelli e Giovanni Mazzoni 242
8) Alessandro Melli 241
9) Augusto Ponticelli 236
10) Aldo Silvagna, Roberto Mussi e Fabio Cannavaro 213
PRESENZE COMPLESSIVE CON LA MAGLIA CROCIATA IN CAMPIONATO, COPPA ITALIA, MANIFESTAZIONI INTERNAZIONALI, POULE SCUDETTO E PLAYOFF
1) Luigi Apolloni 384
2) Antonio Benarrivo 362
3) Lorenzo Minotti 355
4) Alessandro Lucarelli 351
5) Ermes Polli 317
6) Ivo Cocconi 310
7) Alessandro Melli 300
8) Fabio Cannavaro 291
9) Roberto Mussi 277
10) Giovanni Colonnelli 273
11) Nestor Sensini 271
12) Giovanni Mazzoni 246
13) Michelangelo Benedetto 241
14) Dino Baggio 240
15) Augusto Ponticelli 236
16) Aldo Silvagna 229
17) Gabriele Pin e Lilian Thuram 228
18) Luca Bucci 227
19) Gianluigi Buffon 225
20) William Bronzoni 220
21) Hernan Crespo 211
22) Alfredo Mattioli e Marco Osio 209

Sostieni Rossoparma con una donazione