0
0
0
s2smodern

ZFoto Parma1913 2017 trio attacco vs Pro VercelliE’ stata di certo una delle partite più convincenti giocate finora dal Parma, quella che ha visto gli uomini di D’Aversa prevalere sulla Pro Vercelli con un secco 3 a 0. Senza mancare di rispetto all’avversario, la verità è che il risultato poteva essere anche più rotondo, e Insigne già all’inizio del primo tempo l’ha spiegato per benino ai giocatori di mister Grassadonia.

Nonostante una spinta propulsiva impressionante e geometrie ben disegnate, la prima frazione di gioco si è conclusa a reti inviolate. La Pro Vercelli ha reso la vita difficile ai crociati solo a sprazzi, e al 42’ si vedono annullare un gol per fuorigioco.
A risultare decisivo nello sbloccare il risultato il giocatore forse più “quadrato” di questa prima fase di campionato, Yves Baraye: per qualche motivo pare non convincere molta parte dei giornalisti locali (non sempre, perlomeno), ma all’atto pratico si rivela spesso cuore e muscolo delle fasi di gioco in cui il Parma gioca da Parma.
E difatti al 53’ frega la palla a Bergamelli, cerca di superare anche Konatè, che lo abbatte: cartellino rosso diretto. Insigne batte, punizione deviata dalla barriera e meritato vantaggio crociato. Il Parma non è affatto pago, e si guarda bene dal ricommettere errori del passato e perciò continua a premere: non passano che 3 minuti e con Scavone perviene al raddoppio.
La Pro Vercelli? Niente di troppo importante da segnalare, in termini di reazione: polemizzassero meno e pensassero più a giocare ci guadagnerebbero almeno in rispetto. La partita si conclude con una pagina da libro Cuore, con l’uomo-spogliatoio Ciccio Corapi che segna all’85’ e va a ricevere il giusto tributo della Nord: ad averne, di giocatori così.
Nel dopo-partita la Pro Vercelli si è lasciata andare a dichiarazione veramente stucchevoli. Grassadonia contesta alcune decisioni dell’arbitro, come un gol annullato nel primo tempo e l’espulsione di Konatè, ma si riserva di tornare sull’argomento dopo aver rivisto le azioni alla moviola. Meno “simpa” il presidente Massimo Secondo, che se ne esce con un duro : "Il gol lo abbiamo fatto: non ho capito il perchè, così come l'espulsione. Abbiamo sempre taciuto. Ora basta: capisco che abbiamo giocato contro il Parma di Tanzi, Ghirardi, che ha dato ottima prova di sè nella semifinale dei play-off l'anno scorso contro il Pordenone. Una squadra importante ma non dobbiamo esagerare, un minimo rispetto lo meritiamo pure noi". A dire la verità si è scordato di dire che la sua squadra, al Tardini, è stata semplicemente inferiore. Che poi sarebbero cose che capitano, nel calcio.
La società crociata, per parte sua, ha emesso un comunicato ad hoc, che inseriamo qui prima del consueto spazio dedicato alla sala stampa: “dal primo giorno della sua fondazione – vi si legge -, il Parma Calcio 1913 ha deciso di non commentare mai, per scelta, episodi arbitrali, né ha mai cercato alibi fuori dal campo in caso di sconfitta. Quotidianamente cerca di non alimentare le frequenti polemiche sterili, per contribuire allo sviluppo di un ambiente calcistico più sereno. Nell’intervista rilasciata oggi dal presidente della Pro Vercelli Massimo Secondo ai canali ufficiali del suo club, però, non solo vengono menzionati personaggi che nulla hanno a che fare con l’attuale società, rinata dalle ceneri di un fallimento, ma vengono fatte pesanti allusioni che non possono essere accettate. Il Parma Calcio 1913 non è più disposto a tollerare affermazioni che vanno ad intaccare il suo nome, la sua immagine e la sua integrità. Per questo motivo la società crociata auspica che, al di là delle eventuali iniziative da parte degli organi competenti, il presidente della Pro Vercelli abbia almeno il buon senso di scusarsi”.


IL TABELLINO:
Parma – Pro Vercelli 3-0
Marcatori: 54′ Insigne, 57′ Scavone, 89′ Corapi
PARMA CALCIO 1913: Frattali, Iacoponi, Lucarelli (Cap.), Mazzocchi (82′ Scaglia), Baraye, Munari (V.Cap.), Insigne, Di Gaudio (64′ Frediani), Scozzarella (85′ Corapi), Gagliolo, Scavone.
A disposizione: Nardi, Dini, Ramos, Barillà, Germoni, Siligardi, Sierralta, Dezi.
All.: D’Aversa
FOOTBALL CLUB PRO VERCELLI 1892: Marcone, Mammarella (Cap.), Vives, Raicevic (76′ Della Morte), Altobelli, Morra (69′ Polidori), Castiglia (V.Cap.), Konatè, Bifulco (56′ Bruno), Ghiglione, Bergamelli.
A disposizione: Nobile, Berra, Rocca, Vajushi, Barlocco, Gilardi, Pugliese, Grossi, Germano.
All.: Grassadonia
Arbitro: Sig. Daniele Martinelli di Roma. Assistenti: Sigg. Michele De Troia di Termoli e Pasquale Cangiano di Napoli. IV Uomo: Andrea Zanonato di Vicenza.
Note – Calci d’angolo: 3-4. Ammoniti: Castiglia (20′), Lucarelli (43′), Morra (58′), Bruno (59′), Mammarella (77′). Espulso Konatè (53′). Recupero: 1’pt, 3’st.

LE DICHIARAZIONI IN SALA STAMPA:
MISTER ROBERTO D’AVERSA:
Al termine del match vinto per 3-0 contro la Pro Vercelli, Mister Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del “Tardini”.
“Credo che numeri alla mano per le occasioni create il risultato sia giusto. Nel primo tempo si è sofferto ma si è anche creato molto. Grassadonia si è lamentato degli arbitri? Non credo che il risultato sia da imputare alle decisioni arbitrali e la cosa comincia a dare fastidio, perché se noi scegliamo sugli arbitri la politica del silenzio, questo non deve far sentire gli altri autorizzati a tirar fuori situazioni anche dopo una vittoria così netta. Quando giochiamo in casa chiaro che gli spazi sono minori quindi la squadra viene per chiudersi. Baraye? L’espulsione l’ha causata lui, è stato decisivo in quella situazione. Insigne ha caratteristiche da sfruttare più centralmente che lateralmente e completa Mazzocchi che invece è più portato a spingere dalla sua parte”.
“Siamo stati bravi e ci sono state varie occasioni per arrotondare, se analizziamo il possesso è un po’ più a favore loro quindi abbiamo creato tanto ed è importante in un campionato di Serie B dove più che il bel gioco conta l’essere cinici. Inoltre non abbiamo subito gol e i risultati si fanno con le migliori difese, se si guarda cosa accade in Italia in generale. La cosa importante è che abbiamo ripreso il cammino in casa, mentalmente dobbiamo essere pronti ad affrontare gli avversari che vengono a giocare in uno stadio importante e quindi cercano di dare qualcosa in più, quindi dobbiamo creare un ambiente unico, remando tutti dalla stessa parte”.
“Frediani? Se lo meritava per come interpreta l’allenamento durante la settimana, già ho letto sentenze sul mercato di gennaio e su alcuni giocatori, ma stiamo facendo qualcosa di importante e non si deve guardare solo quel che si fa in partita ma anche al lavoro settimanale, mi ritengo fortunato per come i ragazzi interpretano gli allenamenti, dove c’è molta intensità, e questo è merito di tutti i ragazzi, anche quelli che stanno trovando meno spazio come Dezi e Siligardi, cioè giocatori che in settimana hanno già ricevuto sentenze e a me questo non piace”.
“In questo momento abbiamo delle assenze importanti, però si è interpretata la partita in maniera ottimale creando molte occasioni pur non avendo un centravanti di ruolo in campo. I ragazzi stanno facendo qualcosa di importante considerate le assenze che abbiamo e lo dico proprio per evidenziare ancora di più il lavoro di chi sta giocando”.
RICCARDO GAGLIOLO:
Riccardo Gagliolo anche nella vittoria casalinga odierna contro la Pro Vercelli è stato una colonna portante della difesa del Parma Calcio sulla sinistra, proponendosi pure in fase offensiva:
“Oggi, nel primo tempo, ci è mancata l’ultima conclusione. Abbiamo avuto parecchie palle gol, ma non riuscivamo a sbloccare la partita. Siamo stati, poi, un po’ fortunati sulla punizione che ci ha fatto passare in vantaggio. La gara, però, la stavamo conducendo abbastanza bene. Abbiamo abbastanza schiacciato la Pro Vercelli nella propria metà campo e anch’io, di conseguenza, mi sono alzato molto come propensione. Siamo tornati a non subire gol. E’ un aspetto che fa piacere. L’importante è non prendere gol. Cerchiamo ogni settimana di allenarci bene per preparare al meglio l’impegno successivo di campionato. In questo periodo il nostro rendimento è abbastanza buono, eccetto lo stop che abbiamo avuto a Carpi. Cerchiamo di proseguire così. E’ ancora presto per giudicare l’alta classifica. Sicuramente le squadre che sono attrezzate per la promozione sono sempre le retrocesse dalla Serie A e il Frosinone, che ha allestito un ottimo organico mantenendo un’ossatura già competitiva dalla scorsa stagione”.
MARCO FREDIANI:
Marco Frediani, oggi, allo stadio Ennio Tardini nella partita vinta contro la Pro Vercelli ha fatto il suo debutto con la maglia Crociata, entrando in campo al 64′:
“Sono contento, perché era da tanto che aspettavo questo momento. Sono felice, perché mi è stata data questa opportunità. Poi c’è stato anche l’assist che ho fatto per il gol di Corapi. E’ una doppia gioia. Mi godo questo momento insieme ai miei compagni, che mi sono stati sempre vicino e che mi sostengono. Oggi siamo stati poco fortunati in alcune circostanze nel primo tempo, concluso sullo 0-0. Penso all’occasione di Scavone, che non c’è arrivato per un pelo, o al tiro rimpallato da Di Gaudio. Sono state circostanze in cui potevamo concretizzare, ma è difficile realizzarle sempre tutte. Siamo stati bravi successivamente a trovare la via del vantaggio e, poi, a trovare gli altri due gol”.

“L’espulsione di Konatè è stata più che giusta. Baraye se non veniva fermato, conoscendolo, andava sicuramente in rete. Sono doppiamente felice, oltre alla vittoria, per il mio assist a Ciccio, che era già stato mio compagno in una nostra precedente esperienza. Lui, poi, è un ragazzo che si impegna sempre e non molla mai. Un po’ come tutti noi, in questo gruppo. Sono contento per lui come per Gigi Scaglia, che era da un po’ che non giocava. Io mi adatto un po’ in tutti i ruoli del fronte offensivo. Il mister mi sta provando in diverse posizioni. Dove mi impiega, gioco. Se dovesse chiedermi di fare la prima punta, sarei molto felice così come oggi che mi ha fatto entrare da esterno”.

LEGGI LA PREPARAZIONE ALLA GARA

Sostieni Rossoparma con una donazione

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner