0
0
0
s2smodern

ZFoto Froneri La7100 anni in queste ore dalla Rivoluzione d’Ottobre. La commemorazione di evento che ha segnato l’unico vero spartiacque tra assenza di diritti e lavoro garantito nella storia delle classi deboli è stata celebrata un secolo dopo ad attendere la troupe de La7.
E quella rivoluzione c’entra eccome, nella narrazione della Froneri di oggi. C’entra in generale con le divisioni in seno alla classe lavoratrice, e l’ex Italgel semplicemente non fa eccezione.

Da dove sorge l’indifferenza che sembra quasi strangolare l’urlo di questi lavoratori, se non nella loro frammentazione contrattuale, nella differenziazione di trattamento e di destino che li divide?
L’annientamento del senso di “classe” lavoratrice è verosimilmente la più importante vittoria riportata da chi muove le leve del potere da decenni a questa parte.
Settanta persone hanno atteso con pazienza l’arrivo della giornalista inviata da Tiziana Panella per la nota trasmissione de La7 Tagadà.

ZFoto Froneri La7 III tavoli si sono susseguiti, le speranze in una conclusione basata sul dialogo si vanno affievolendo man mano che gli stessi si sono dimostrati inutili passarelle e poco più: questi lavoratori e le loro famiglie, hanno bisogno di speranze, di certezze, di un progetto di futuro, e si confrontano invece con figure algide, losche, che sanno solo ribadire la parola “chiusura”. Il 6 novembre è stato riconvocato il tavolo al “Mise”, il Ministero per lo Sviluppo Economico, ma...e se la dirigenza Nestlé resta ferma nei propositi? Che ne sarà di quelle oltre cento famiglie?

E’ di questo che hanno verosimilmente parlato nelle interviste che si sono registrate stamane davanti allo stabilimento. Nessuna cagnara, nessun urlo disperato: uno dei lavoratori, tra quelli con maggiore anzianità e quindi migliore sguardo d’insieme, è stato delegato a parlare davanti ai microfoni, ed è lui che vedremo andare in onda tra qualche giorno.

ZFoto Froneri La7 IIINel frattempo i motori si stanno scaldando proprio a Parma: mentre la Froneri viene sempre più spesso citata nei discorsi della gente comune e nelle analisi dei vari esponenti sindacali ( LEGGI DELLO SCIOPERO DI IERI ), alcuni rappresentanti politici stanno cominciando ad ipotizzare un boicottaggio cittadino di tutti i prodotti direttamente o indirettamente riconducibili alla Nestlé. A dire la verità in queste situazioni la città ha saputo “fare sistema”, fossimo nella multinazionale svizzera un problemino ce lo porremmo. Vedremo come si svilupperà la lotta, e dove essa condurrà: incrociamo le dita.

Postilla: oggi Rosso Parma compie 4 anni. Più o meno a quest'ora, il 28 ottobre del 2013, pubblicavamo le prime notizie. Non potevamo festeggiare il compleanno in un luogo più adatto, e con gente migliore.

Sostieni Rossoparma con una donazione

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner