0
0
0
s2smodern

I bianconeri si riscattano dopo la sconfitta di MonigoUna settimana fa a Monigo a soccombere di 5 punti erano state le Zebre. Oggi però la missione “Vendetta” è stata compiuta e la compagine bianconera è riuscita a piegare Treviso allo stadio XXV Aprile. Una partita vissuta sull’altalena da entrambe le formazioni che si sono inseguite e superate lungo tutto l’arco dell’incontro fino al 14-12 finale che ha regalato la gioia della vittoria ai padroni di casa.

Ad inizio gara sono le Zebre a mettere pressione agli avversari e al 12’ arriva la meta di Palazzani. Appena tre minuti dopo, però, il fischietto francese, il signor Ruiz, vede un fuorigioco: il piede di Berquist riporta sotto i veneti che completano la rimonta e mettono la freccia al 27’ sempre sfruttando un calcio. La prima frazione di gioco si conclude, tanto per cambiare, con l’ennesima punizione trasformata da Berquisit. Si va negli spogliatoi con il punteggio di 5-9 per gli ospiti.

 

I bianconeri cominciano la ripresa con lo stesso piglio del primo tempo. Orquera porto subito i suoi ad un solo punto di distanza dalla piazzola, bissando dieci minuti dopo, al 52’, concretizzando la superiorità della mischia delle Zebre. Il vantaggio dei padroni di casa, a conferma di quanto la gara sia stata davvero combattuta, dura però poco più di 100 secondi, fino a quando il cecchino della Benetton, Berquist, realizza il controsorpasso. Ma ormai è una battaglia di precisione, giocata sul filo dei nervi: Orquera ribadisce quanto realizzato fino ad allora e fissa il punteggio sul 14-12 per le Zebre quando mancano 16 minuti alla fine del match. Il risultato però non cambia ed i bianconeri festeggiano il successo nel derby.

Sostieni Rossoparma con una donazione