0
0
0
s2smodern

Dalla Sampdoria nessuna offerta concretaFinale di partita: Cassano rimane al Parma, ma accade soltanto perché la Sampdoria non ha concretamente avanzato alcuna proposta al calciatore che sognava di poter tornare a Genova:  “Avevano il tempo per farlo, ora quel tempo è scaduto. Ecco perché voglio parlare un giorno prima dell'inizio del mercato" ha dichiarato il diretto interessato. A mettere la parola fine alla vicenda che si trascinava da settimane è stata la conferenza stampa che si è svolta ieri pomeriggio presso il centro sportivo di Collecchio alla quale hanno partecipato il talento barese e l’amministratore delegato Pietro Leonardi. Il giocatore ha affermato di essere stato disturbato dalle voci che si sono rincorse a lungo sul proprio destino e ha riconosciuto di aver sempre chiesto, in presenza di un’offerta da parte del club doriano, di essere aiutato ad andar via. Prima di firmare il contratto, Cassano avrebbe infatti detto che l’unica proposta che avrebbe potuto accettare sarebbe stata proprio quella proveniente dalla Sampdoria e che avrebbe rifiutato perfino, il Real Madrid. "Si è parlato molto in queste settimane, si vociferava, ma le chiacchiere le porta via il vento” ha sintetizzato Fantantonio che ha dunque deciso di restare in una città in cui ha riveltoa di trovarsi bene insieme alla propria famiglia. Leonardi, “mi tratta come un re”, ha ammesso Cassano davanti i cronisti facendo riferimento all’entità del proprio compenso stagionale. Il numero 99 crociato ha tuttavia ammesso di aver creduto alle indiscrezioni sul proprio futuro: “ci sono finito con tutte le scarpe”.


Il club crociato pertanto, in presenza di un reale interesse della Sampdoria, non avrebbe trattenuto il giocatore che ha rappresentato il fiore all’occhiello della propria campagna acquisti. Come ha infatti spiegato Leonardi, nessun calciatore rimane nel club se non si trova bene, facendo l’esempio di Panucci e Zaccardo. Archiviato il caso Cassano - che ha anche ammesso di non credere in alcun modo ad una sua convocazione in occasione del mondiale brasiliano - restano comunque sul piatto le partenze molto probabili di altri prezzi pregiati del Parma come Parolo e Biabiany. È stato proprio l’ad, alla vigilia del calciomercato che si aprirà domani, a rivelare che Parolo non andrà mai via da Parma in prestito (“non prendiamo in considerazione proposte oscene) e che per il laterale francese la Juventus non si sarebbe ancora fatta avanti.

Sostieni Rossoparma con una donazione