0
0
0
s2smodern

Provincia di Parma Gianpaolo SerpagliE' un Giampaolo Serpagli in versione Los Lobos, quello che dirige il traffico da via Treves. La Bamba infatti è il grande tema su cui sembrano interrogarsi gli uomini di Renzi, con effetti politicamente stupefacenti.
A Parma il segretario provinciale organizza un incontro con Luigi Alfieri, quello che dice di averne portati in strada 300 ( ha una lunga militanza in Gazzetta, deve aver fatto i conti sui resi come ai bei tempi, l'amico), quello delle passeggiate antispaccio con il suo gruppetto di amici. Al suo fianco Lorenzo Lavagetto, che dopo il bellissimo comunicato di appoggio a Matteo Renzi sulla Stepchild Adoption da un'altra splendida prova del proprio spessore politico.
Nella bassa lo stesso PD provinciale, e quindi lo stesso Serpagli, appoggia la lista civica del candidato sindaco Andrea Censi, recentemente invischiato (ancora!) in una vicenda di spaccio di droga. Un'operazione “Grande Fiume” che avrebbe visto la droga spacciata direttamente tra le mura del Comune, a quanto sostengono gli inquirenti (LEGGI IL COMUNICATO DEI CARABINIERI). Sinceramente Censi ci appare un essere umano in difficoltà, da anni alle prese con dei problemi di assunzione di sostanze e che quindi tuteliamo come un qualsiasi ragazzo di don Valentini. A quell'essere umano auguriamo di trovare un equilibrio, e di ritrovare il filo di un cammino. Forse peraltro a quel punto smetterebbe di sparar minchiate sulla Ti-Bre.
Ma quando questi si ricandida dopo un atto del genere e quando il PD provinciale lo sostiene (pagina 20 della Gazzetta di Parma oggi in edicola) la questione diventa politica. Di linea politica. Insomma...al Partito Democratico la coca piace o non piace? E' un punto politicamente dirimente, per un partito che si spaccia come di massa.

Sostieni Rossoparma con una donazione