0
0
0
s2smodern

Austrada A1 generica“Signor direttore,
- affida ancora a Facebook la propria indignazione, il sindaco di Berceto Luigi Lucchi - probabilmente, pur essendo un lettore attento e interessato alle notizie di Parma e Provincia, mi è sfuggita la notizia che il glorioso marchio dell’autostrada A15, autocamionale della Cisa, è destinato a scomparire.

Questa società, nata per la lungimiranza di amministratori pubblici di Parma e delle diverse Province interessate alla sua realizzazione, come motore di sviluppo, si spegne nell’indifferenza dell’attuale classe politica. Nel recente passato tutti gli amministratori pubblici, per fare cassa, sono corsi a vendere le azioni seguendo indicazioni dei Governi che svendono, a loro volta, l’Italia. E’ rimasto solo il Comune di Berceto e credo quello di Noceto tra gli azionisti e con quote irrisorie, simboliche, e null’altro. Tutti sappiamo che ora è una società privata e il privato è libero di fare quello che vuole. La Fiat ha perfino spostato la sede fiscale in Olanda dopo aver “munto” per oltre un secolo gli italiani ignari contribuenti non dello Stato ma degli Agnelli. L’Autocisa, per il momento, entrerà in Salt e quindi la sede sarà a Camaiore di Lucca. Sempre Italia ma non piu’ Parma. Dispiace l’indifferenza totale perché, a mio parere, vuol significare non aver neppure compreso l’utilità di avere la dirigenza a Parma e anche numerosi posti di lavoro. Non capisco neppure perché debbo interessarmene solo io con questa denuncia dal momento che molti dirigenti, impiegati, tecnici, faranno la spola da Pontetaro a Camaiore e potrebbero decidere di uscire, per pranzare, negli ottimi ristoranti di Berceto che resta baricentrico a tutto e tutti. Del resto è il paese di montagna piu’ vicino al mare. Continuando questa sciatteria dei “politicanti” di Parma potrebbe nascere il desiderio, a diversi Comuni, di cambiare Provincia. Di seguire, insomma, l’Autocamionale della Cisa. Fa riflettere, però, che la società si chiamerà Salt perdendo il fascino del nome Cisa che resta uno dei nomi piu’ conosciuti in Europa. In definitiva traggo il messaggio che se è in crisi la politica, come lo è soprattutto a Parma, neppure gli attuali imprenditori “scoppiano” di salute e fantasia. Che errore perdere CISA! Ma i vostri pubblicitari che fanno?”

Luigi Lucchi

Sindaco di Berceto

Peraltro, postilla che vale la pena citare, Filippo Fritelli, presidente della Provincia di Parma, nella vita fa parte dell'ufficio legale di Autocisa. Interessante "melange" di interessi.

Sostieni Rossoparma con una donazione