0
0
0
s2smodern

Filippo Fritelli Pd SalsomaggioreSalsomaggiore Terme, 10.07.2016 – Chiarire subito sulla gestione di affidamento di servizi e sfruttamento delle acque di Tabiano in merito a cui parrebbero esserci gravi irregolarità legali, amministrative e contabili.

"Occorre fare immediata chiarezza sullo sfruttamento delle acque di Tabiano e sull'affidamento di alcuni servizi" a chiederlo sono tutti i Gruppi di Minoranza in Consiglio Comunale. Abbiamo fatto pervenire una richiesta al Consiglio per istituire una Commissione d'Indagine per l'approfondimento della regolarità legale, amministrativa e contabile, delle procedure seguite per la concessione dello sfruttamento delle fonti termali di Tabiano Bagni e per la gestione del Palazzo dei Congressi e del Campo da Golf. "Abbiamo il dovere di chiedere con forza all'Amministrazione di fare luce su alcune questioni dagli aspetti poco chiari". La necessità d'istituire una commissione d'indagine nasce a seguito di un accesso agli atti che ha acceso un faro in merito allo sfruttamento delle fonti di Tabiano per cui pare che non esista nulla dal punto di vista contrattuale e dei versamenti contabili per l’utilizzo delle acque e in riferimento alla gestione del Palazzo dei Congressi e dei Campi da Golf per i quali gli atti esistenti sembrerebbero essere inficiati nella loro regolarità stante le modifiche delle condizioni contrattuali che parrebbero essere palesemente a danno del Comune; vi sarebbe poi l'adozione di determine che in alcuni casi sembrano addirittura in violazione degli indirizzi imposti dagli organi di governo. “Ancora una volta, oltre all’incompetenza amministrativa che rischia di fare seri danni alla comunità emerge l’anomala sovrapposizione di ruoli e deleghe che non sembrano aver garantito la correttezza degli iter, degli atti e dei provvedimenti dell'Amministrazione. A nostra memoria è la prima volta che a Salsomaggiore si verificano situazioni tanto gravi di potenziali irregolarità come queste che abbiamo denunciato; il caso, se confermato, sarebbe doppiamente preoccupante perché investe attività strategiche per la nostra città e getta un ombra sulla legalità nella gestione della cosa pubblica violando per altro pesantemente quelli che dovrebbero essere gli iter democratici di una amministrazione che ha da sempre fatto vanto di operare in trasparenza”.

Firmato Alice Gerra – Marco Caselgrandi – Andrea Fellini – Franco Bressanin

Sostieni Rossoparma con una donazione