0
0
0
s2smodern

Antifascismo monumeto partigiano manetteSono iniziati come da programma i lavori congressuali delle organizzazioni anarcosindacaliste.
PER APPROFONDIRE LEGGI E VAI A RITROSO NEI LINK
Stamane un piccolo momento di socialità organizzato dal gruppo APE di Parma, con un trekking urbano che ha portato gli ospiti nei luoghi simbolo della Parma rivoluzionaria, quella delle barricate e non solo.
Partiti dalla stazione, il gruppo si è portato in borgo del Naviglio, in piazza Duomo e quindi in piazza della Pace, per rendere omaggio al monumento del Partigiano. Di lì poi ci si è recati al monumento dedicato a Corridoni per concludere alla Torre Libertaria, che sorge nei pressi di ponte Verdi.
Un luogo simbolo della storia contemporanea, se vogliamo: occupata dagli anarchici dopo decenni di abbandono, divenne una questione essenziale (quasi una questione di vita o di morte) per la giunta Pizzarotti, che ottenne lo sgombero degli spazi.

ZFoto Usi Ait piazzale CorridoniDa allora, sono passati circa 4 anni, è tornata deserta e inutilizzata, consegnata in effetti al degrado. Interessante dinamica della cosiddetta democrazia borghese.
Non molti, circa una ventina di ospiti, hanno partecipato alla camminata: la maggior parte dei delegati è rimasta a studiare i propri documenti, dato che oggi inizia il lavoro congressuale vero e proprio. Un approccio di serietà e dedizione piuttosto istruttivo.

Altrettanto istruttivo un altro aspetto dell’iniziativa, concernente l’età media delle persone giunte a Parma da ogni parte del mondo: salvo un paio di eccezione, tutti giovani donne e uomini sui 23-24 anni. Un aspetto che ha fatto apparire inusitatamente “vecchi” i padroni di casa, Francesco Salton e Massimo Franzoni, pure per i nostri parametri uomini appena appena adulti.
ZFoto Usi Ait piazzale Corridoni IQuesta particolarità sembra quasi volerci raccontare di una gioventù (quella estera) che altrove affronta con altro piglio l’impegno politico e la militanza. Meno spritz e più rabbia, il messaggio subliminare che si coglie tra le righe.
Le tappe sono state accompagnate da narrazioni del contesto storico in cui sono avvenuti i principali fatti che ci hanno regalato la nosra libertà (o l’approssimazione della stessa che abbiamo voluto preservare).

 

GUARDA IL VIDEO DELLA TAPPA ALLA STATUA DI FILIPPO CORRIDONI

GUARDA IL VIDEO DELLA TAPPA DOVE CI FU LA PRIMA SEDE USI

Antifascismo monumeto partigiano manette IGUARDA IL VIDEO DELLA TAPPA ALLA TORRE LIBERTARIA

Sostieni Rossoparma con una donazione