0
0
0
s2smodern

Comunismo pugni chiusi piazzaUn primo maggio che torna a proporre le tematiche forti del sindacalismo e del diritto del lavoratore a condizioni di vita eque.

Anche quest’anno le proposte sono essenzialmente due, una di natura ipocrita e speculativa, l’altra di base e conflittuale. Dei primi anche per quest’anno non ci cureremo: li consideriamo dei buffoni che negli anni hanno svenduto tutto ciò che gli anni delle lotte avevano consegnato loro in eredità, e francamente abbiamo troppo rispetto per i lettori per abbindolarli con certe sceneggiate. Li consideriamo complici, e li trattiamo come tali.
Tra i secondi citiamo due iniziative, una a Parma che ha come sindacato promotore l’Usi-Ait, l’altra in provincia, a Lesignano Bagni, incentrata più sulle posizioni di Usb e Adl Cobas
IN CITTÀ:
“Anche quest'anno – scrivono gli organizzatori del corteo - scenderemo in Piazza per il Primo maggio, giornata internazionale nata per rivendicare i diritti dei lavoratori. L'USI a livello nazionale ha indetto lo sciopero generale. Ci troveremo in Piazzale Rondani alle 10:30 da dove sfileremo per le vie della città e alle 13:00 saremo nel Parco Pellegrini per un pranzo popolare e conviviale....c'è chi festeggia e specula in questa giornata abbandonando tutto l'anno le lotte e svendendo i diritti dei lavoratori in cambio di fettine di potere, a seconda della convenienza politica. Noi no!”.
A LESIGNANO DE’ BAGNI:
In mattinata, a partire dalle 11, un dibattito sullo sfruttamento del lavoratore nel settore alimentare cui parteciperanno Piero Pollutri di Usb Parma, Silvio Rosati di Adl Cobas ed il sindacalista Paolo Brini, dell’opposizione Cgil.
Dopo il pranzo cominceranno i concerti dal vivo, con inizio dalle ore 14.
Si esibiranno in questa bellissima manifestazione i mitici GANG, EMOTU, Ugo e i Filosofi da Marciapiede, EMILY Collettivo Musicale, Banda POPolare dell'Emilia Rossa, Black Cat and the White Rabbits, Allievi del corso ritmico di Helder Stefanini, L'Accademia

Sostieni Rossoparma con una donazione