0
0
0
s2smodern

Fascismo busto del duce saluto romanoLa concessione di una sala civica a Forza Nuova per un incontro elettorale con Roberto Fiore ha suscitato molte critiche da parte di diverse forze politiche, oltre che dell'ANPI , che ritiene che l'Amministrazione non sia in grado "di difendere i valori antifascisti di Parma".

PER APPROFONDIRE LEGGI E VAI A RITROSO NEI LINK
Il Comune ha risposto alle critiche "ribadendo i valori democratici, costituzionali e ispirati all'antifascismo", ma dicendo sostanzialmente che a Regolamento vigente, non si poteva fare diversamente.
Manca - chissà perché? - nella risposta del Comune l'unica ovvia conclusione, resa oggi necessaria da una chiara recrudescenza non solo delle organizzazioni di ispirazione fascista, ma di tutti quei gruppi che usano lo spazio pubblico in modo violento: una modifica al Regolamento di concessione (perché nessuno ci ha pensato prima della campagna elettorale?).
Come hanno già fatto altri comuni italiani, presenteremo quindi al più presto la proposta di introdurre nella domanda di concessione di una sede civica l'obbligo di una dichiarazione in cui il concessionario dichiara formalmente di riconoscersi nei principi e nelle norme della Costituzione italiana; di non professare e non fare propaganda di ideologie neofasciste e neonaziste; di non perseguire finalità antidemocratiche, esaltando, propagandando, minacciando o usando la violenza quale metodo di lotta politica o denigrando la Costituzione e i suoi valori democratici fondanti.
Pier Paolo Eramo, Fabrizio Pezzuto, Lorenzo Lavagetto
capigruppo Parma Protagonista, Parma Unita, Partito Democratico in Consiglio Comunale

Sostieni Rossoparma con una donazione