0
0
0
s2smodern

Comune di Parma logo vetrinaUn centro di cui si è parecchio discusso, nelle ultime settimane: si occupa del C.A.N.T., il dormitorio maschile di strada Santa Margherita, 8, la determina 3165 a firma William Sgarbi. In essa il dirigente ratifica una nomina che è certo di ambito meramente tecnico, ma che avrà certo risvolti politici e, forse, anche legali.


Sarà Elisabetta Mora a ricoprire il ruolo di “Direttore dell’Esecuzione del Contratto dell’appalto del Servizio per la gestione globale della Casa di Accoglienza notturna temporanea per uomini indigenti senza fissa dimora o in condizione di bisogno temporaneo denominata C.A.N.T.“.
Una vera patata bollente: con una mossa aspramente criticata dai sindacati Usi-Ait e Cisl, l'azienda che si è aggiudicata l’appalto, la bolognese Cooperativa Dolce, ha modificato le modalità di esecuzione del contratto stesso. In pratica, a loro detta per accogliere una richiesta di maggiore servizio diurno arrivata dal Comune di Parma, hanno depotenziato spaventosamente la presenza di educatori in struttura in vigilanza, arrivando ad imporre la presenza di un dipendente a dormire lì (badate bene: non a lavorare) alla cifra di 1,5 euro all’ora. Chiaramente questo mette gli ospiti, persone con fragilità economica ma talvolta anche di altro tipo, nelle condizioni di agire a proprio piacimento, soprattutto in virtù del fatto che le videocamere istallate nel dormitorio del Comune di Parma...non sono notturne. Se capitasse qualcosa lì dentro o a qualche cittadino residente nei paraggi sapremmo certamente chi andare a ringraziare.
La narrazione dei sindacalisti ( PER APPROFONDIRE LEGGI DELLA LORO CONFERENZA STAMPA ) ha avuto un seguito dibattimentale in Consiglio comunale: Sandro Campanini, in un’interpellanza, ha chiesto conto all’assessore Laura Rossi, che inopinatamente ha confermato difendendo la cooperativa Dolce a discapito di cittadini e lavoratori ( PER APPROFONDIRE LEGGI DI QUEL CONSIGLIO COMUNALE ).
Ora la nomina di Elisabetta Mora: sarà lei a stabilire se le more del contratto, ed i capitolati che prevede, consentano tali comportamenti ed eventualmente a fronteggiare azioni di rivalsa da parte di lavoratori o sindacati di base. E sarai lei a modellare eventuali altre direzioni, frutto di accordi o ripensamenti delle parti in causa.

Sostieni Rossoparma con una donazione

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner