0
0
0
s2smodern

Comune di Parma sito irraggiungibileLa democrazia ai tempi di Pizzarotti. Nel primo mandato questo concetto, teoricamente caro a tutti, è consistito in una cancellazione crescente e sistematica dei momenti di confronto con i cittadini, sfociata con il “Bilancio non partecipativo”, che doveva essere introdotto da immediatamente ed è stato trasformato in qualcosa di simile ad un cadeau pre-elettorale in vista delle amministrative.
Da qualche mese abbiamo assistito ad una sorta di “salto di qualità”, per così dire: nelle newsletter del Comune non vengono più diffusi gli Ordini del Giorno dei Consigli comunali in divenire, privando perciò il cittadino della possibilità di arrivare in piazza Garibaldi per vedere chi avesse la faccia di tolla di votare qualcosa di ingiustificabile. Una riprova? Pochi minuti all’inizio del Consiglio, mentre scriviamo, e non si apre la pagina che da una settimana ne annuncia la presentazione.
Non solo: i Consiglieri comunali sono arrivati in aula talvolta in aula senza aver potuto leggere preventivamente le delibere da votare ( LEGGI ), o in Commissione senza poter leggere prima le proposte di delibera da discutere ( LEGGI ). Non bastasse ciò gli stessi hanno dovuto confrontarsi con i commenti decisamente inopportuni di Alessandro Tassi Carboni sulla congruità dei contenuti politici espressi ( LEGGI ) o del direttore generale Marco Giorgi ( LEGGI ), come se fosse loro facoltà eccepire e non ricevessero invece uno stipendio per essere al servizio dell’istituzione. Uno stipendio, peraltro, che nel caso di Giorgi è cresciuto del 20% ( LEGGI ).
I documenti? Discussioni stringate, che spesso il cronista fatica a narrare al cittadino stesso (visto che oltretutto non li può nemmeno leggere). Perciò ecco un nuovo interessante quesito: quella che si abbina alla giunta Pizzarotti è una democrazia compiuta (seppur borghese) o una nuova astuta forma di dittatura fascista consistente nella messa al bando dei meccanismi di controllo e di verifica? Perché su un punto possiamo essere d'accordo tutti: non è accettabile che il sito del Comune sia sempre funzionantissimo nelle parti che riguardano i tagli di nastro e le foto con bambini (che fanno tanto indice di gradimento), e non si riesca a capire di cosa parleranno i rappresentanti del popolo. Rifletteteci con serenità.

Sostieni Rossoparma con una donazione

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner