0
0
0
s2smodern

Polizia Municipale multa pagataSi era cacciato in un casino che forse neanche aveva immaginato, Federico Pizzarotti. Cioé a dire: la faccenda sarebbe potuta anche funzionare, se non fosse per l’ondata di indignaziona “anti kasta” che l’ha travolto. 

Se ci pensate, considerate le origini da “Vaffa Day” dell’ex grillino, già questo fa abbastanza ridere, diciamo.
Ma sorvolando sulle ripercusioni mediatiche, si sono presto profilate all'orizzonte conseguenze ben peggiori: facendosi immortalare e riprendere nell’atto fondamentalmente incasinava il proprio referente sull’ordine pubblico, Gaetano Noé.

Questi, a fronte di una foto narrante una palese violazione del Regolamento Urbano aveva solo due scelte: o fare la multa, o rischiare una denuncia in Procura per omissione di atti d’ufficio. Quando è stato chiaro che la seconda sarebbe accaduta, per mano di qualcuno, deve essere anche scaturita la decisione di farsi multare. L’A Seventh of Mayor (lo chiamiamo Un Settimo di Sindaco perché è stato votato solo da un parmigiano su sette) ha quindi dovuto mettere mano al portafoglio e richiedere la sanzione ad una Polizia Municipale che si è ben guardata dal fargliela (pessima figura, quella rimediata dai nostri agenti di polizia locale). Certo, lui nel post (che riportiamo integralmente qui sotto) afferma di averlo preventivato, ma...chi ci crede? Fosse così lo avrebbe detto già nell’intervista a caldo rilasciata a Beppe Milano di Tv Parma o in uno dei giorni successivi.

LEGGI DI PIZZAROTTI NELLA FONTANA DI BARRIERA REPUBBLICA
Diciamoci la verità: questa giunta ha creduto per un attimo di essere onnipotente e si trova invece oggi a confrontarsi con un biasimo e una indignazione che proprio non si aspettava. E’ tutta salute: da “legnati” fanno meno cavolate.

LEGGI DI MARCO BOSI, DELLE CAGNE E DELLE MINORENNI
“Chiuso – scrive Federico Pizzarotti sulla propria pagina Facebook - il breve passaggio nella fontana di Barriera Repubblica (l'avevo promesso in modo goliardico) ho chiesto di mia iniziativa al Comando di comminarmi la sanzione amministrativa, come è giusto che sia. Lo avevo già preventivato e la correttezza è uno dei nostri principi fondanti, i vari moralizzatori e opinionisti estivi rimarranno quindi a bocca asciutta. Chiaro, i problemi sono altri, le vere questioni su cui puntare l'attenzione e l'interesse sono ben altre, ma ci tenevo ugualmente a farlo sapere, perché prima di ogni cosa vengono rispetto e responsabilità.
Per festeggiare la vittoria offritemi da bere voi”.

06 RossoParma banner

07 RossoParma banner

01 RossoParma banner

02 RossoParma banner

03 RossoParma banner

04 RossoParma banner

05 RossoParma banner