0
0
0
s2smodern

ZFoto bara stranaUna bellissima notizia: Francesco Samuele si ritira dalle Primarie della città, riducendo a 4 il numero di competitori.
Due i problemi che lo hanno costretto al ritiro: da un lato la raccolta firme, che ha violato il patto sottoscritto rispetto ai tempi di consegna (prendendo per buono quanto detto, e cioè che fossero oltre le 500 e tutte valide), trovando comunque in Serpagli e nel Comitato elettorale un atteggiamento dialogante, dall’altro un problema politico grosso come una casa.
Una quota significativa della neonata Sinistra Italiana, infatti, si sta preparando a migrare nel nuovo soggetto politico di Pisapia, peraltro assieme a Federico Pizzarotti. Sarà a tal proposito veramente divertente vedere i medesimi, ferocemente critici per anni con Renzi e con il sindaco di Parma, leccare le terga ad entrambi: non sarà una novità (sono adusi al comportamento da una vita) ma resta oggettivamente uno spettacolo spassoso.
Fatto sta che tutto questo ha condotto al ritiro, e come dicevamo ciò rappresenta una bellissima notizia.
No, non tanto per il giudizio sull’uomo, che molti compagni, a torto o a ragione, mantengono pessimo, quanto per l’aspetto politico.
Nella “Parma laboratorio politico” si conclude finalmente quella bestemmia politica chiamata “centrosinistra”: per anni la gente del PD ha sventolato questo o quel partitino “rosé” per poter mitigare un giudizio (che ormai li vede a destra di Alfano) e potersi ammantare di una parvenza di s ocialdemocrazia. In cambio, in nome di altrettante bestemmie politiche tipo “compatibilismo”, “il sistema si cambia dall’interno” e via dicendo, alcuni personaggi politici affatto rappresentativi hanno ottenuto poltrone, ruoli, finanziamenti, stipendi.
Tutto ciò, almeno per le prossime amministrative, va in archivio: ci saranno quattro rappresentanti borghesi, più o meno tesserati al PD, più o meno espressione del “civismo”, che si confronteranno, e questo è giusto. E’ degno. Degli onesti avversari politici, degli evidenti nemici di classe, che scelgono liberamente il proprio migliore rappresentante.
E ci saremo noi, dall’altra parte. A proporre un progetto politico alternativo e non miscibile. Nessuna corte di nani e ballerine a fare da cuscinetto con il partito guidato da Matteo Renzi (lo è ancora, il segretario). Nessuno spazio a sindacalisti un po' di qua ed un po' di là. Se non vi sembra una notizia bellissima questa, non sapremmo proprio cosa proporvi.

PER APPROFONDIRE LEGGI LEGGI

Segui le dirette di RossoParma
su Periscope!

@RossoParma